Silvio Berlusconi e Matteo SalviniRoma, 27 feb – Si respira un’aria tesa di forte rottura tra Silvio Berlusconi e Matteo Salvini, i due volti forti del centrodestra. Berlusconi, infatti, non ha per niente gradito la scelta di Salvini di correre da solo alle elezioni regionali di maggio. “Siamo diversi – così il ‘Matteo giusto’ – niente accordi tra Lega Nord e Forza Italia”. Di qui l’ira funesta del Silvio nazionale, che ha tuonato: “Pensare che l’ultima volta che ci siamo visti ad Arcore sembrava che fossimo d’accordo, eravamo rimasti che si sarebbe fatto di tutto per ricostruire un centrodestra che potesse battere i candidati di Renzi alle regionali: tutte chiacchiere”.

Ma Berlusconi si è addirittura spinto oltre, andandoci giù pesante: “Non c’è niente da fare, questo Salvini è inaffidabile. E soprattutto si è messo a fare il gioco di Renzi”. Può sembrare effettivamente paradossale che colui che domani sarà a Roma per una manifestazione anti-Renzi venga accusato di intelligenza col nemico. Eppure Silvio è categorico: “Salvini sta facendo l’esatto contrario di quello che dice. Sta facendo esattamente il gioco del premier, è un suo alleato, anche più di Alfano. Altro che nemico! Perché l’unico modo che abbiamo per battere il Pd renziano già alle regionali è quello di presentarci tutti insieme. Se lui mette veti, come sta facendo, si perde”. Il riferimento, ovviamente, è alla questione Veneto, con il fuoco di sbarramento che Salvini ha alzato a difesa di Luca Zaia, laddove Flavio Tosi sarebbe propenso a un asse d’intesa con Fi, Ncd e Passera.


Ma se Silvio lancia parole al veleno, Matteo non è da meno. Ieri, in un incontro con i suoi sostenitori toscani, il leader del Carroccio ha infatti affermato: “Il nostro obiettivo è far durare il meno possibile il governo Renzi. Non perché ci sta antipatico, ma perché è pericoloso, perché è un servo di un progetto più grande di lui, perché Renzi è un burattino telecomandato da chi ha già telecomandato Monti, Letta e in parte Berlusconi”. Silvio, sostanzialmente, sarebbe stato parzialmente etero-diretto dagli stessi poteri forti che, da burattinai, hanno tirato i fili dei pupazzi Monti, Letta e Renzi. Accusa pesante che sa di rottura definitiva.

La partita all’interno del centrodestra sta dunque arrivando alla svolta. Nonostante abbia appoggiato Monti prima e Renzi poi con il famigerato Patto del Nazareno, Berlusconi tenta – ancora una volta – di consolidare la sua traballante egemonia nel centrodestra e, insieme, di rilanciare una Santa Alleanza moderata contro i “comunisti”. Dall’altra parte, invece, Salvini, forte della travolgente ascesa della sua popolarità, pare aver capito che, se vuole essere vincente sul lungo periodo, deve sbarazzarsi della zavorra rappresentata da tutti i riciclati e da tutti i collaboratori “da destra” dei governi non direttamente eletti dal popolo. Come sempre accade in politica, perlomeno in quella parlamentare e partitocratica, tutto può cambiare in qualsiasi momento e clamorosi ripensamenti non sono affatto esclusi. Ma una cosa è certa: la partita a scacchi nel centrodestra è entrata nel vivo e può trasformarsi in guerra guerreggiata. E, probabilmente, sarà una guerra in cui non si faranno prigionieri.

Valerio Benedetti

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here