Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 23 feb – E’ ufficiale, Vittorio Sgarbi ha deciso di scendere in campo e candidarsi a sindaco di Roma. Questa mattina alle 11:30, per lanciarlo a primo cittadino della Capitale, si terrà una conferenza stampa di presentazione del “Comitato promotore per Vittorio Sgarbi sindaco di Roma”. Sappiamo già però che il deputato e critico d’arte ha deciso di correre da solo, con il suo movimento politico “Rinascimento”.



Roma, Sgarbi candidato sindaco: “Piano per la cultura”

Ma qual è esattamente il progetto di Sgarbi per Roma? “Prima – dice il critico d’arte – penseremo a migliorare i servizi essenziali, cosi come chiedono i romani. Poi un grande piano per la cultura che restituisca a Roma la dignità di Capitale, rimettendo al centro dei programmi culturali l’immenso patrimonio artistico e archeologico della città”. Del «Comitato promotore per Sgarbi Sindaco di Roma» fanno parte Dario Di Francesco (organizzazione), Francesca Pucci, Tiziano Sbrozzi, Simone Lelli, Roberto Riccio, Michel Maritato, Cristiano Aresu, Emanuele Ricucci, Paolo Marioni.

Black Brain

La candidatura di Sgarbi a sindaco della Capitale non è propriamente un fulmine a ciel sereno. La conferenza di stamani è più che altro un modo per darle il bollino dell’ufficialità, perché già a ottobre scorso il critico d’arte aveva annunciato di voler tentare questa sfida elettorale.

Sgarbi si (ri)candida 

“Il mio progetto è far diventare Roma come Parigi, una città in cui si va per il Louvre: da noi si dovrà venire per i Musei Capitolini, la Galleria Borghese e i Musei Vaticani”, disse a Il Primato Nazionale il giorno della presentazione del suo progetto. “Abbiamo un sindaco senza luce, benché si chiami Raggi, il cui primo progetto è stato quello di fare uno stadio con i grattacieli. Roma è l’unica città al mondo con uno skyline orizzontale: la storia urbanistica di Roma ci insegna che quartieri come la Garbatella, il Coppedé e nell’ultimo periodo in cui Roma è stata rivoluzionata ovvero durante il fascismo con la modernità dell’Eur lo sviluppo è stato orizzontale”. Per poi lanciare una frecciata al fulmicotone al sindaco grillino: “La peste corrisponde all’epoca Raggi, la libertà corrisponde all’epoca Sgarbi”.

Leggi anche: “La Raggi è la peste, io sarò la libertà”. Sgarbi lancia la sua sfida per Roma (Video)

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta