Roma, 15 mar – Stamattina mentre andavo in redazione ho incrociato un ragazzetto che di buon passo raggiungeva i colleghi studenti delle superiori a manifestare contro il cambiamento climatico. Sotto braccio portava un bel cartello con su scritto “Go Vegan Save The Planet“, (“Diventa vegano, salva il pianeta”). Al di là della gioia che mi ha assalito per questa generazione che finalmente studia l’inglese (ma forse è solo una moda, non parlare più la nostra lingua, se non male), mi sono preoccupato per la salute del giovine: non assumere nell’età della crescita proteine nobili della carne rossa, imprescindibili per la scienza, non è proprio da dritti.

La pagliacciata ecologista

Ecco, in questo incontro mattutino sta la chiave di volta della pagliacciata globale di oggi. Tutti appresso a Greta, la 16 enne svedese che invece di andare a scuola manifesta davanti al Parlamento per salvare il pianeta. Tutti, grandi e piccoli, a ripetere come scimmie ammaestrate “No al cambiamento climatico“. Che poi è come dire no alle maree, no alla stagione dei monsoni, no alla fotosintesi clorofilliana.

Greta è una ragazzina che, a detta sua, prima di diventare un’icona dei social e il simbolo dell’ennesima battaglia inutile che nasconde la solita speculazione (sì, c’è gente che guadagna bei soldi con queste cose) si annoiava. E’ una adolescente che ha visto dei video sui mutamenti climatici e gli animali troppo magri e si è messa a piangere. Ci sta, per carità. Ma, se ci mettiamo che è affetta dalla sindrome di Asperger – che rientra nelle forme di autismo – ecco che forse la sua reazione spropositata alla visione dei documentari sul clima rientra, più che in una vocazione a salvare la madre Terra, in un quadro prettamente clinico.

Greta è una vittima, quindi. Come lo sono i giovini che oggi scioperano contro i cattivoni che inquinano. Greta è una vittima dei genitori – che hanno definito una benedizione il disturbo della figlia (milioni di euro di raccolta fondi). Greta è una vittima dello show business e dei media mainstream, che vanno a nozze con queste sceneggiate.

Solo diritti e zero doveri

Greta è una vittima di tutti coloro che hanno abdicato alla loro funzione di educatori. Perché un adolescente va istruito a sviluppare una coscienza critica, quegli anticorpi necessari per non beccarsi il virus del luogo comune, come l’afflato ecologista, o il veganesimo o essere gender fluid. Tutte cose che vanno di moda tra gli adolescenti di oggi (ai miei tempi c’era sex, drugs & rock’n’roll ma poi è arrivato l’Aids). Adolescenti che hanno il diritto sacrosanto di andare appresso a cose effimere. Così come hanno il dovere di studiare, informarsi, aprire gli occhi.

E gli adulti – dai capi di governo come la Merkel o Macron fino alla professoressa che fa l’amica dei propri studenti perché pensa di guadagnarci in didattica (salvo poi farci un figlio per sbaglio) – hanno sì il diritto di accodarsi a questi giovani desiderosi di dare un senso alla propria vita. Ma hanno soprattutto il dovere di guidarli, metterli in guardia, addestrarli alle avversità dell’esistenza. Quelle vere. L’ecologia poi è una cosa seria. All’epoca, per esempio, le industrie del Terzo Reich sono state all’avanguardia rispetto al resto del mondo in fatto di rispetto dell’ambiente. Inquinavano pochissimo, mentre producevano a nastro continuo armi super tecnologiche per vincere la guerra.

Le bufale sul clima

Questo per dire che chi cerca di guidare le masse in queste follie globali per questioni inesistenti ha un fine ultimo che non coincide con il bene dei tanti, ma con la ricchezza dei pochi. Il clima e la salute del pianeta Terra sono cose troppo grandi per lasciarle in mano a minorenni e piccoli uomini speculatori.

Anni fa uno scienziato del Cnr con cui stavamo parlando di questa roba mi chiese: “Ma lei lo sa perché non si parla più del buco dell’ozono?. “No”, gli risposi. “Forse perché non va più di moda”, aggiunsi. E l’esperto di cambiamenti climatici mi disse: “Non se ne parla più perché si è richiuso, da solo. Noi neanche volendo possiamo davvero nuocere alla Terra”.

Il nostro pianeta ha i suoi cicli, si raffredda, si riscalda, sempre ritrovando il suo equilibrio. Lui resta, in salute. Noi siamo di passaggio“. Parola della scienza, quella vera.

Adolfo Spezzaferro

Commenti

commenti

63 Commenti

  1. Chissà chi ha l’interesse ad esibire Greta? Siccome credo poco alle coincidenze, mi chiedevo: come mai un’anonima ragazzetta fa un proclama pro ambiente e subito accorrono tv di mezzo mondo, le mettono a disposizione risorse per grandi marce e addirittura ora qualcuno vuole candidarla al nobel?

  2. Il grande Papini (che rivoluzionario lo era davvero, a differenza degli “utili idioti” che si sbracciano dietro alla bandierina agitata di volta in volta dinanzi ai loro occhi), nella sua mirabile raccolta “Gog”, inserisce un piccolo saggio-racconto dal titolo “Pedocrazia”…
    Far assurgere al rango di opinion maker globale questa ragazzina che pare la brutta copia della Bambola Assassina – sfruttando la circostaza della sua malattia per silenziare ogni critica – è un altro segno dei tempi.

  3. Peccato che il buco dell’ozono si sia chiuso perché a livello globale si sono eliminati i CFC… Siamo ancora ai cicli della terra?!

  4. Si la terra ha un ciclo naturale di raffreddamento e riscaldamento ma x parare il sedere ai grandi industriali ci limitiamo a dire il problema nn esiste…(x i ricchi) poi chi se ne frega se c’è chi si ammala anche se sono bambini tanto il proletariato è sacrificabile x i pochi che contano!!

  5. Caro Adolfo. Che mi viene in mente Hitler. Già così sei una pessima persona. Se poi credi di poter sopravvivere bene mangiando carne di cadaveri putrefatti e in decomposizione sei proprio un fesso. Ricorda ai tuoi figli, se riusciranno a sopravvivere in questo mondo malato, che persone come Greta stanno provando a salvare qualcosa che persone meschine come te hanno rovinato. Incluse le vite di animali innocenti. Buffone

    • Condivido in pieno con lei sig.matteo. Chissà perché anch’io nel sol leggere il nome adolfo e poi la sua citazione su Hitler ho subito iniziato a capire che questo subdolo giornalaio dei miei stivali ha qualcosa che non va, maledetto Facebook che ci fa sbirciare ed avere conferma. Infatti bel.soggetto un affiliato di casapound e chissà cos’altro. Peccato per chi preso da qualche sua affermazione che può anche starci, perché certo che come in ogni cosa qualcuno potrebbe sfruttare la.situazione a proprio vantaggio, lo.elogia e gli da corda. Sig. Anzi nessun sig, lei è un ignorante come una pietra si faccia curare ma da uno buono non dal suo fantomatico scienziato del Cnr di cui ben si ravvede dal citare con nome e cognome che dice di aver intervistato.

    • L’unico buffone sei tu in quanto il mostro svedese non salva un bel niente, ma propone notizie fasulle come da decenni fanno molti scemenziati apocalittici che copiano ancora le cagate del club di Roma anni 70′. Ma tu queste cose non le conosci perché sei un ignorante che sentenzia a seconda di come l’altro la pensa politicamente.

    • Ho pensato la stessa cosa del precedente commento… ma in forndo, oggi, chiunque può credere di fare il giornalista…
      Però l’arroganza e l’ignoranza di questo post (perché non si può chiamarlo “articolo”) non è altro che l’ennesima risposta alla frustrazione che attanaglia sempre più gente… gente che è scontenta di come va il mondo e che ormai ha imparato a rispondere con l’odio e a generare nuovo odio, credendo che questo possa farla stare meglio e farla sentire migliore degli altri. Alcune parti dell’articolo denotano ignoranza… altre possono anche andar bene, ma andrebbero scritte con stile da giornalista, non come se si stesse facendo un discorso al bar tra amici.
      Ovviamente questo sito va via dai miei feed di google: se la redazione pubblica questi articoli allora preferisco non aprirlo più…

  6. Caro Adolfo. Che mi viene in mente Hitler. Già così sei una pessima persona. Se poi credi di poter sopravvivere bene mangiando carne di cadaveri putrefatti e in decomposizione sei proprio un fesso. Ricorda ai tuoi figli, se riusciranno a sopravvivere in questo mondo malato, che persone come Greta stanno provando a salvare qualcosa che persone meschine come te hanno rovinato. Incluse le vite di animali innocenti. Buffone

  7. ..le considerazioni di questo opinionista non meritano nemmeno commenti. “Proteine nobili della carne” ma forse questo signore non è informato sugli effetti della carne e della sua permanenza acidificante all’interno dell’intestino sotto forma di “cadaverina” e “”putrescina”. Non spreco tempo a spiegare e mi limito a basire di fronte a tanto cinismo e tanta ignoranza.

  8. Ignorante !!!!!! Criminale !!!!!! Solo oggi un tornado in Germania dal 2015 ben 15 tornado in Italia come quello del veneto disastroso ef3 non fa più freddo non nevica ! I pochi cm al sud fanno notizia ma non e neve in Piemonte sembra di essere alle Canarie e tu ignorante !!!! Hai il coraggio di dire queste ighiozie

  9. Che poi siamo sicuri che sto buco dell’ozono si stia risanando da solo?!? Io quando ero piccolo andavo a mare senza mettere protezione e niente… E stavo tranquillo.. Adesso se vai a mare senza protezione ti bruci completamente!!!

  10. Sono una pesona adulta, senza figli, e per questo essenzialmene non me ne frega un cazzo di come finirà questo pianeta dopo che sarò schiattato. Suppongo, Adolfo, che anche tu non hai prole, perché diversamente saresti una persona innaturale ( un abominio ) a non voler perseguire il benessere della tua stirpe. E guarda che le condizioni dell’unico pianeta esistente in grado di farci vivere secondo la nostra natura, sono e saranno tutto per i tuoi discendenti.

  11. Sono una pesona adulta, senza figli, e per questo essenzialmene non me ne frega un ca.xxx.o di come finirà questo pianeta dopo che sarò schiattato. Suppongo, Adolfo, che anche tu non hai prole, perché diversamente saresti una persona innaturale ( un abominio ) a non voler perseguire il benessere della tua stirpe. E guarda che le condizioni dell’unico pianeta esistente in grado di farci vivere secondo la nostra natura, sono e saranno tutto per i tuoi discendenti.

  12. I cambiamenti climatici repentini a cui assistiamo oggi sono senza precedenti ed è scientificamente appurato non essere fenomeno naturale, non sarà la Terra a morire ma il genere umano se non vi sarà un netto, drastico e rapido cambiamento da parte nostra. Poi che dietro alla ragazzina svedese ci sia un mondo questo è un altro discorso.. Sostenere che il problema ambientale sia una bufala è quantomeno da ottusi.

    • E’ ad ottusi anche pensare che le soluzioni siano quelle proposte dalla propaganda ambientalista (che fa a gara con quella femminista a basarsi sulle menzogne come “fatti” e a usare la colpevolizzazione acritica come argomento dialettico).

      Bisogna ridurre la popolazione, o perlomeno la sua quota che vive nel benessere. Però ciò sarebbe contrario o all’uguaglianza (servirebbe il ritorno alla foresta di interi paesi “emergenti”) o al capitalismo (servirebbe cambiare modello mondiale).

  13. Vorrei sperare si tratti di un articolo sarcastico o satirico,
    Mi dispiace invece dover ammettere a me stesso che esiste davvero qualcuno che si è impegnato a scrivere boiate simili, e che ci sia persino chi deduce, in qualche strana lingua, che il fautore di un’quest’opera, composta puramente da cinismo ed ignoranza, abbia concretamente parlato con uno scienziato, neppure citato in alcuna fonte.

    Lasciando parlare l’immaginazione, come fatto in precedenza dal nostro amico scrittore, deduco piuttosto che abbia visto un bel video intervista dell’attuale Presidente degli USA, e che sotto effetto di qualche magica sostanza sia stato ispirato dalla possibilità di non dover più fare la raccolta differenziata, e vivere il resto della sua triste vita alimentandosi di hamburgers derivati da allevamenti intensivi di scadente qualità nutrizionale.
    Parlo da onnivoro, ognuno può mangiare quello che vuole e può trovare differenti modi per integrare i valori nutrizionali, il fatto sta nel sapere dove un’argomentazione può reggere o meno:
    Il sig. giornalista, quale soprannominerò Mr. Mediocrità, ha tutto il diritto di ammettere che la mancanza di carne e latticini in una dieta a noi consueta appare priva degli apporti proteici che un giovane in crescita necessita.
    Nonostante ciò vorrei far notare come il signor Mediocrità ha attaccato direttamente questa povera bambina, screditandola ricorrendo alla sindrome, e successivamente attribuendole il titolo di “vittima”.
    Ora, comprendo che Mediocrità potrebbe essere un classico soggetto insicuro che per dare valore alla sua voce cerca di screditare quella altrui, ma non comprendo perchè farlo proprio in un articolo di cronaca,
    Non capisco perchè farlo prendendo come soggetto una bambina ed evidenziando quasi “discretamente” il suo autismo.

    Spero che mr. Mediocrità comprenda quanto il suo articolo sia scadente ed inconsistente.
    Nonostante ciò tengo a ricordare che per arricchire un’argomentazione bastano razionalità, basi scientifiche e culturali.

  14. naturalmente siete voi quattro ignorantoni a decidere cosa importa al Pianeta Terra. Voi che volete le centrali nucleari…. ma andate a zappare, che tra voi se ne zompa fuori mezzo laureato “online” è grasso che cola… avete rappresentanti che manco sanno coniugare i verbi…

    • Per fortuna ci sei tu che insegni all’umanità e soprattutto quelli della tua parte con una “cultura” eccellente cioè la cultura del “sentito dire”.

  15. Tutto qs X dire che non esiste il mutamento climatico? Che il mare pattumiera non esiste? A dire il vero a gennaio e febbraio a me personalmente non sono mai fiorite le camelie o la magnolia ora si Dai smettiamola la realtà è che se non realmente non salvaguardiamo L ambiente finiremo come nella pubblicità di ciao Darwin. Questa è la realtà indipendentemente da Greta o meno

  16. Fare negazionismo sul problema ambientale è certamente deplorevole, spesso i dati preoccupanti forniti dagli studi sul clima vengono sempre visti come un qualcosa di lontano e di poco decifrabile nel breve periodo. Però credere che la Sig.na Greta e accoliti possano smuovere più di qualche briciola sullo scenario climatico mondiale, fatto di interessi meramente economici è folle… E poi quanti di questi ragazzi che oggi protestano rinuncerebbe al proprio smartphone non caricandolo per una settimana (fioretto ambientalista)?

  17. Ognuno e’libero di dire quello che pensa. Una cosa e’certa: e’ bene educare le nuove generazioni ad una cultura di salvaguardia e tempestivo intervento di salvaguardia dell’ambiente se vogliamo consentire alle future generazioni di vivere. Se io fossi una giornalista mi prodigherei a divulgare questo. E invece, al posto degli adulti lo fanno i giovanissimi. Molti dovrebbero solo prendere esempio e cambiare ‘testa e ‘cuore’, se ne resta ancora un po’….

  18. Non sto da nessuna parte, ne con Greta nè contro Greta, ma il dire che i cambiamenti climatici sono bufale beh è da irresponsabili.
    Quest’inverno è nevicato pochissimo al nord un inverno secco ed un autunno uguale.
    Il Po (fiume) che ha raggiunto livelli di secca che solo in piena estate avvengono.
    Pesci che muoiono affogati dalla plastica.
    Queste sono cose che vediamo tutti i giorni. Non sono bufale.

  19. Sig. Spezzaferro lei come giornalista si dovrebbe informare meglio, la studentessa svedese in questione non parla del surriscaldamento globale only, ma piuttosto di come noi lasceremo il pianeta alla prossima generazione cioè i giovani di oggi. Parla della plastica nei mari, delle deforestazioni, dai troppi pesci pescati negli oceani etc, etc. Diciamo le cose come stanno, cioè che lei non è daccordo con questo tipo di iniziative e sento se mi permette anche un pizzico di invidia nei confronti della studente, una ragazzina che si prende il pianeta terra per le mani e attira il giornalismo globale, mentre lei fa un’articolo da palese raccomandato.

  20. Io spero che questo sia un articolo fake.
    Se non lo fosse,ti dico che hai scritto una marea di cose,a cominciare dal fatto che della terra non se ne debbano occupare i giovani.
    Cosa significa?e chi se ne deve occupare?Le generazioni che rientrano nella tua età?
    Spero di no,anche perché non avete alzato un dito prima ma adesso che sei grande contribuisci pure tu alla causa.
    Trump?ah giusto,tanto lui mica ci crede al riscaldamento globale e il trattato di Parigi è tutta merda per dare i soldi ai comunisti.
    Ma poi che cazzo te ne frega se questa ha la sindrome di Asperger?
    A giudicare da quest’articolo tu hai la sindrome di tourette,potrei pensare che tu ancora credi alla terra piatta e che Hitler non avesse ammazzato non mi ricordo quante persone e che “rispetta l’ambiente e inquinavano pochissimo”,ma ti smentirei su questo pezzo,ovviamente Auschwitz e tutti gli altri lager facevano un sacco di fumo e sprecavano molto gas e gli ebrei finivano in un resort sulla luna.
    Invece di scrivere articoli ignoranti pseudo-complottisti/sarcastici o Dio solo sa cosa,non incolpare i giovani come lei che dicono cose vere ed inevitabili perché siamo a un punto di non ritorno e l’istruzione,che se c’è qualcuno che deve finire la quinta elementare quello sei tu.
    Saremo pure di passaggio ma se avrò un figlio vorrei che potesse continuare a campare su questo pianeta

  21. Ho appena finito di fare un giro su qualche forum di terrapiattisti ma, caspita, qui è molto, molto meglio!!! Fantastici, continuate così!

  22. Chi ha i soldi comanda, decide ,detta legge, vuole sempre di più. L uomo vuole il potere, distrugge per arricchirsi, deve essere potente, vuole prevalere sugli altri, tutta la distribuzione è causa dell’ uomo , io non vedo una soluzione per salvare il pianeta, anche se la soluzione c’è. Ma chi dei superpotenti la vorrebbe ? Poi un giorno sarà troppo tardi. Moriranno anche i figli dei potenti , i loro nipoti , i quali non hanno voluto rinunciare al benessere…
    E ci sarebbe tanto altro da dire

  23. Nessuno di noi al posto di Greta lo avrebbe fatto! La nostra generazione non ha mai mosso un dito per niente e Greta ha mosso e smosso mezzo mondo…brava Greta! Meriti davvero il Nobel!

  24. La cosa che mi limito a dire e’ che questo pseudogiornalista nell’articolo veste forzatamente i panni del bastion contrario versione chic. Purtroppo denota scarsa conoscenza dell’argomento, rendendo davvero tanto ridicolo il tutto, piu’ che altro se stesso, perche’ l’unica cosa che emerge e’ solo il tentativo di rendersi interessante andando contro alla massa, alla logica ed alla verita’ (cosa peggiore) Se uno o l’amico di uno ha lui ha detto che nemmeno impegnandosi possiamo danneggiare la terra, forse l’amico dell’amico si e’dimenticato del Giappone, del nucleare…Della plastica negli oceani.. Va be’. potrei fare un profilo psicologico a questo giornalista. Preferisco non infierire oltre, provando troppa pena… Suggerisco solo di considerare altri metodi per migliorare la propria immagine, magari giocandosela sui contenuti.. Ragazzo non mollare!!!!!

  25. Caro signor Adolfo Spezzaferro un articolo come il suo tutti possiamo farlo basta poco impegno, fare il rovescio della medaglia e tutto si può mettere in discussione, forse lei non ha raggiunto ancora quella notorietà che la mettono in luce, continui non si sa mai..

  26. Penso che sia l’articolo più insulso ch’io abbia mai letto!
    Solo una cosa mi rincuora!
    La libertà. Funziona!
    Se anche un ameba può scrivere tali fregnacce in un così pessimo stile ebbene, viva la libertà.

  27. Ma quante e quante cazzate ,che dicono ,e poi gli stessi giovani ,butano ha terra di tutto ,lo si può vedere in qualunque scuola ,in tutta Europa :se invece di fare manifestazione “che non serve ha un cazzo” andassero ha pulire parchi e ha piantare alberi ,e creare il futuro ,no lamentarsi ,e urlare ,visto che poi capite solo violenza: e lo vedo con i miei okki .

  28. C’è sempre chi guadagna dietro ad una determinata situazione, esattamente come c’è chi guadagna a scrivere “articoli” come questo, atti a screditare chi si batte per ideali contrari alla logica del mero guadagno.
    Grazie a Greta, che si batte per una nobile ideologia smuovendo le pigre coscienze della gente, contrapponendosi ai servi del potere materialista.

  29. Oggi per la prima volta vi leggo.
    Due articoli su Greta ormai conosciuta in tutto il mondo.
    Ho fatto un commento sul primo pezzo della Cristina Gauri che non é stato preso in considerazione a quanto sembra. Ma non é questo il punto.
    Il secondo, dello Spezzaferro é sulla falsa riga.
    Non cosí maleducatp e cattivo con la ragazzina ma senz altro fazioso supponente ed arrogante.
    Non credo pubblichiate questo mio post ma nemmeno in questa occasione non sará motivo di stizza.
    Se due indizi sono una coincidenza, per me sono una prova. In questo caso di cattivo giornalismo.
    ADDIO

  30. Com’è che in giro si vede sempre racchiuso in un unicum il sovranismo/nazionalismo, disprezzo del diverso (Greta è affetta da Asperger, come si sa dalla gran gaffe di Rita Pavone e Lorella Cuccarini che l’anno definita bambola da film horror) e qualche piccolo riferimento al fascismo (il faccione di mussolini compare nella copertina del loro giornale)???

    Cerchiamo di fargli arrivare meno gente così guadagnano meno dalla pubblicità. Se siete arrivati qui con aggregatoridi di news, assicuratevi di non far più comparire questa testata nel feed (esempio su google>click sui tre puntini> click su “non mi interessano le notizie di Il primato nazionale” )
    Adios Primati

  31. Sei imbarazzante come del resto la presunzione dell’uomo di essere superiore a tutto, natura compresa… Già non possiamo fare male alla madre terra? Eh sì i nostri mari e oceani maggiori produttori di ossigeno stanno soffocando grazie alla plastica che produciamo scelleratamente e noi non possiamo farci niente… Tonnellate di combustibili fossili depositatisi in milioni di anni rimessi in circolo in un battito di ciglio da noi con record di immissioni di gas serra ma no, tu dici che non possiamo far niente… Ma chi ti paga per sparare simili obrobri? Che parassita sei, proprio senza anima.

  32. Caro Adolfo ai suoi tempi si faceva “sciopero a scuola” (sega, marinare, etc.) anche per un cesso rotto.
    Questi ragazzi rivendicano una eredità terrestre più sana e ne hanno diritto a prescindere dai cicli climatici.
    Si guardi intorno… Ai suoi tempi si poteva ancora pescare nei ruscelli…
    Le sue osservazioni mi sembrano totalmente fuori luogo.

  33. Non ho mai scritto un commento ma giuro che tu mi hai proprio triggerato. Sono uno studente della magistrale di “Ecologia dei Cambiamenti Globali” e posso dire che nell’ultima parte dell’articolo ho letto le peggiori stronzate che abbia mai letto. Noi non possiamo fare del male alla Terra? Il buco nell’ozono si è chiuso? Da solo? “L’esperto climatologo” che hai incontrato è anche un no-vax, per caso? O uno che crede nei farmaci omeopatici? No, perchè il livello di cazzate è quello, se non maggiore.
    Comincio col dire che il buco nell’ozono non si è richiuso. Si sta richiudendo, è vero, ma non si è richiuso completamente e ci vorranno decenni prima che accada. Non si sta richiudendo da solo, ma solo perchè noi ne abbiamo eliminato la causa (causa che noi stessi abbiamo creato, tra l’altro): i clorofluorocarburi (CFC, forse ti suona più familiare). E questo rappresenta anche un esempio che possiamo modificare il clima.
    Il clima può variare per semplici cause naturali, come possono essere piccole variazioni nell’orbita terrestre, ed è verissimo. Ma il cambiamento a cui stiamo assistendo non è dovuto a cause naturali, o comunque non completamente ma solo in minima parte. L’IPCC (la più importante organizzazione internazionale che studia queste cose) ha detto che al 95% la colpa di ciò che sta accadendo è da attribuirsi all’uomo.
    Detto questo, mio caro Adolfo, la prossima volta informati bene prima di scrivere stronzate e di diffondere ignoranza. Sappi che potrei fare altri esempi per smentirti, ma preferisco risparmiarteli, anche perchè so benissimo che non te ne frega un cazzo. Se ci tieni a sapere meglio le cose vai a seguire un seminario (possibilmente uno non consigliato dal tuo amico “esperto climatologo”).

  34. Dovresti vergognarti.
    Sei un insulto vivente al buon giornalismo e, ancor più, al buon senso.
    Leggi, studia, informati prima di diffondere contenuti di questo livello di tossicità.

  35. Questo articolo è scritto da un caprone ignorante per altri caproni ignoranti. Dovresti pensare alla vasectomia signor Adolfo…. E non a scrivere… Solo così potresti dare un contributo utile all evoluzione e alla specie umana.

  36. Greta dovrebbe pensare a fare i compiti, gli studenti che hanno fatto sciopero dovrebbero pensare a studiare seriamente e dopo il diploma o la laurea trovare un lavoro e vivere rispettando le persone, se stessi e l’ambiente. Chi di loro lavorerà nel settore energia, magari potrà parlarne in maniera sensata. Per resto siamo alle solite, poca conoscenza, bocche larghe, cervelli ristretti e di scientifico nulla!

  37. Senti Adolfo, qui l unico che dice buffonate sei tu, l’ argomento che fa capire la tua ignoranza è quello del buco nelľ ozono. Il buco nelľ lo ozono è quasi scomparso non perché la natura si rigenera da sola, ma perché non vengono più usati i frigoriferi e le bombolette sprai come quelle degli anni ottanta, che contenevano un gas altamente dannoso per l ozono. Ora, è normale che la natura si ristabilirà anche per il riscaldamento globale, ma appunto solo se noi UOMINI la smettiamo di inquinare. Quindi tieniti le tue stupidaggini per te e non inquinare il web con queste ultime. Io sono d accordo con il messaggio di Greta.

  38. beh…vedo che la testata “Il Primato nazionale ” su Greta e quindi su Clime , ecologia, etc…ha fatto il pieno di commenti, quindi di lettori e possibili fruitori di messaggi pubblicitari, tecnica raffinata di avere follower, interessante l’intreccio di commenti ad ampio raggio oltre il clima, i no wax…..continuate così, è come avere la “Zanzara” radiofonica sul web….

    Vittorio G.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here