Roma, 14 lug — Al Senato via libera al decreto Aiuti, sul quale il governo aveva posto il voto di fiducia. Hanno votato a favore 172 senatori, contrari 39 e 0 astenuti. I presenti in Aula erano 212, a votare sono stati 211 senatori, a fronte di una maggioranza richiesta di 166. Come ampiamente annunciato il M5S non ha partecipato al voto, risultando assente alla prima e alla seconda chiama. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha lasciato il Senato ed è salito al Quirinale per conferire con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Con il Movimento era venuta meno l’ipotesi di una mediazione proposta dal ministro per i Rapporti con il Parlamento, il cinquestelle D’Incà, che aveva messo sul tavolo l’ok al testo senza fiducia. Prima dell’inizio della seduta al Senato, il ministro aveva “sondato” i capigruppo della maggioranza, allo scopo di cercare la possibilità di evitare il voto di fiducia sul dl Aiuti, proponendo di votarlo per articoli. Tentativo naufragato. E così il governo ha optato per la fiducia al Senato.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Se ti vaccini non ti contagi.
    Se non ti vavccini muori e fai morire.
    Trovarne uno migliore non è difficile.

Commenta