Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 11 ago – L’ ennesimo corto-circuito interno alla maggioranza di governo sulla delicata questione dell’obbligo vaccinale anti-covid-19? Viene spontaneo chiederselo, confrontando le recenti iniziative di Italia Viva, rafforzate dalle dichiarazioni di Matteo Renzi e quella che al contrario sembra essere la politica del governo sostenuta da Conte: mentre il premier infatti si è detto persuaso del fatto che il vaccino anti-Covid non debba essere obbligatorio, Renzi non ha lasciato spazio a dubbi, andando contro in maniera frontale alla ipotesi della libertà di scelta.

«Se davvero arriveremo al vaccino contro il Covid questo vaccino dovrà essere obbligatorio per tutti. Obbligatorio, non facoltativo. Obbligatorio! Per questo, la nostra deputata Lisa Noja e altri amici hanno lanciato una raccolta di firme affinché più persone possibili facciano pressione sul Governo perché non ci sia nessun passo indietro per strizzare l’occhio ai NoVax. Siamo stati chiusi in casa per mesi e se arriva il vaccino lasciamo libertà di scelta? Non scherziamo! Qui trovate il link per aderire alla raccolta firme». Insomma le dichiarazioni di Renzi, affidate alla newsletter di Italia Viva, vanno in direzione decisamente opposta rispetto a quelle di Conte.

Renzi ha dalla sua il virologo Fabrizio Pregliasco che ha illustrato alla Repubblica la potenziale maggiore efficacia di una profilassi obbligatoria:
«Guardiamoci negli occhi» ha dichiarato Pregliasco «al momento l’entusiasmo per il vaccino è scarso, ma il solo consiglio non basta perché di fatto ne depotenzia l’efficacia. Abbiamo visto cosa è successo con l’app Immuni, scaricata da appena 4,6 milioni di persone: poche, avrebbe dovuto aderire almeno il 60/70 per cento della popolazione. Dunque, a questo punto, le opzioni sono entrambe valide, e al momento quella della sola raccomandazione sembra attuabile».

In realtà, nonostante la costante evocazione dei no vax come spauracchio e come comodo alibi per polarizzare il dibattito, i dubbi sull’obbligo vaccinale nel caso del Covid-19 appaiono dettati anche da un buona dose di realismo. E’ vero che la politica debba interrogarsi prima e pianificando per tempo, ma ad oggi la lotta per la scoperta di un vaccino pone prima questa domanda: di quale vaccino esattamente stiamo parlando? Nella stessa giornata in cui la Russia annuncia di essere sulla buona strada per l’adozione di un efficace vaccino, dobbiamo pensare che sarebbe quello da adottare obbligatoriamente? Oppure se ne sta attendendo uno validato dall’Oms ? Lo stesso Renzi d’altronde esordisce con un curioso incipit basato su un «se davvero arriveremo».

Di chiarezza, in questo senso, se ne registra davvero molto poca: ipotizzare un obbligo a priori senza conoscere il come, il quando e il perché lascia basiti. Le questioni sono sempre più complesse delle facili dicotomie bianco-nero o pro vax-no vax.

Cristina Gauri

9 Commenti

  1. l’unica cosa che è obbligatoria è il tuo internamento in un neurodeliri,renzi.
    se io non sono d’accordo tu prendi il tuo vaccino e te lo metti nel kulo,ok?
    e se ti azzardi a cercare di impormelo,lo fai a tuo rischio e pericolo.

  2. Noi ci siamo già vaccinati a Renzi.Per quanto riguarda il suo parere conta il 2-3% quindi nulla e siccome la costituzione ci dà il diritto di scegliere le terapie col cavolo che gli italiani si faranno infinocchiare da gente come Bill Gates, che ci vuole anche microchippare come si fà con i cani.Il nostro corpo ci è stato donato da Dio cosi’ come la nostra autodeterminazione e quindi siamo solo noi che possiamo decidere cosa fare con il nostro corpo.Quello che veramente conta è avere un sistema immunitario sano ed anche su questo l’avvocato di provincia Conte ha levato ai sindaci la fcaoltà di negare l’autorizzazione al 5g,i cui effetti sugli uomini non sono ancora conosciuti.In Svizzera hanno detto alle compagnie 5 g che se vi saranno effetti collaterali dovranno pagare, cosa che ovviamente non hanno proposto in Italia trattandoci come cavie e non cittadini come al solito

  3. Hahahahahaha parla proprio lui, il Bomba di Rignano…. Quello che è andato negli usa con la Lorenzin quando stavano al governo, per stipulare un accordo “segreto” con le case farmaceutiche per trasformare gli italiani in cavie per vaccinazioni obbligatorie di massa, cominciando con i bambini in età scolare… E chissà come mai, dopo si è fatto la villa nuova… Chi gliela avrà pagata??… 🤔😏😉🎩💰💰💰

Commenta