Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 15 ago – Dopo il botta e risposta di oggi tra Matteo Salvini e Giuseppe Conte non si è fatto attendere l’intervento di Luigi Di Maio. Anche il leader del M5S ha scelto Facebook per dire la sua, senza però scrivere una lettera aperta. Sta di fatto che la grammatica istituzionale è saltata e i tre massimi esponenti di quello che sulla carta ancora è ma in pratica fu un governo, ormai hanno scelto di battibeccare via social in attesa dello scontro finale. “Questo è stato il Governo che ha ridotto il numero di sbarchi in Italia, grazie al lavoro di tutti. Salvini di punto in bianco ha deciso di farlo cadere, in pieno agosto, senza alcuna spiegazione e senza nessun preavviso agli italiani. Quindi è inutile che ora sbraita, è colpa sua se oggi ci troviamo in questa situazione”. Così esordisce Di Maio nel suo lungo post.



Salvini, dice Di Maio “lo ha fatto solo per il consenso. Lo ha fatto per qualche sondaggio? Non solo! Anche perché stavamo per togliere le concessioni ai Benetton e stavamo per tagliare 345 parlamentari, che lui non vuole tagliare più”, tuona il leader pentastellato. Poi il leader pentastellato si scaglia contro la replica di Salvini al premier Conte: “Ha fatto tutto da solo, per tornare dopo nemmeno 24 ore nelle braccia di Berlusconi. Ora è pentito, ma ormai la frittata è fatta. Ognuno è artefice del proprio destino. Buona fortuna! Per quanto riguarda la risposta a Conte (“Me lo dica in faccia”) siamo al paradosso. Parla lui, che in faccia a noi non ha mai detto nulla”.

Secondo il leader del M5S la Lega ha scelto di sostenere “i colossi” e “le multinazionali che sfruttano il nostro Paese e i cittadini”. Di Maio ha infine confermato che “il 20 agosto noi Ministri del Movimento 5 Stelle saremo al fianco di Giuseppe Conte in aula per sostenerlo contro la sfiducia della Lega”.

Eugenio Palazzini



La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta