Roma, 11 mag – “Berlusconi ancora una volta ha ingannato gli italiani: RADDOPPIATI GLI SBARCHI DEGLI IMMIGRATI CLANDESTINI”. Recitava così, perentoriamente, un manifesto elettorale del Pd risalente al lontano 2009. Esattamente dieci anni fa il partito dell’accoglienza e dell’integrazione, oggi schierato decisamente contro ogni discriminazione e contro la paura del diverso, nel furore della lotta contro il nemico di sempre, Silvio Berlusconi, non aveva remore nell’utilizzare il termine «clandestino» e nel prefigurare una temibile invasione di immigrati irregolari. Effettivamente allora le paure del Partito Democratico erano fondate: nel 2007 le richieste d’asilo erano state 13.310, mentre l’anno successivo erano più che raddoppiate, giungendo alla esorbitante quota di 31.723. Nulla a che vedere con i numeri davvero esigui registrati, ad esempio, nel 2016, quando le richieste d’asilo furono appena 123.600, o l’anno successivo, quando raggiunsero quota 130.119.

Nel frattempo, nel giro di un decennio, il termine «clandestino», utilizzato con assoluta disinvoltura dal Pd in quel manifesto è stato dichiarato discriminatorio, offensivo e umiliante da una sentenza del tribunale di Milano, che nel 2017 ha condannato la Lega al risarcimento di 10 mila euro e al pagamento di spese processuali per un importo pari a €4.270.

In dieci anni la sinistra progressista italiana è insomma passata dal servirsi delle ondate migratorie come di uno spauracchio da brandire per demonizzare ulteriormente il governo Berlusconi al considerare l’immigrazione una fondamentale risorsa per il nostro Paese. Tutto ciò sempre al netto di una propaganda piuttosto confusa in merito, visto che un giorno si criminalizza Salvini e quello successivo si elogia Minniti, il quale però non fu meno duro nei confronti delle Ong e concreto nella riduzione degli sbarchi (quantunque Salvini abbia, dati alla mano, fatto meglio del predecessore, sia guardando ai numeri degli arrivi sia considerando i morti in mare, notevolmente diminuiti).

Il programma Pd per le europee: porte aperte a tutti

Ma quali sono davvero le linee programmatiche del Pd in materia di immigrazione? Come intende affrontare queste sfide in ottica comunitaria, viste le prossime elezioni europee?

Nel programma elettorale ufficiale la linea è chiarissima: porte aperte a tutti. Il primo obiettivo, per il Partito Democratico, è infatti la riforma del regolamento di Dublino, sulla base del testo approvato dal Parlamento nel 2017. Per carità, tutto è preferibile all’attuale stato delle cose e anche la riforma cui fa riferimento il Pd rappresenterebbe un passo in avanti, per quanto debole.

Tutto ciò, tuttavia, presupporrebbe ancora una volta che chiunque sia libero di sbarcare, che chiunque possa presentare una richiesta e, nell’attesa di ricevere un responso, possa vivere da mantenuto alle spalle dei cittadini italiani ed europei. Oltre alla riforma del regolamento di Dublino, nel programma dem si parla solo di definire nuove vie legali della migrazione (senza specificare le categorie cui questi canali sarebbero destinati) e di politiche di integrazione.

Non si parla di rimpatri

Sorprende – o forse no – l’assenza di qualsiasi riferimento al capitolo dei rimpatri, una cui gestione a livello comunitario sarebbe senza ombra di dubbio più efficace: sarebbe l’Ue, e non i singoli Stati membri, a stipulare accordi di rimpatrio con tutti i Paesi africani, in modo da rispedire a casa in tempi brevissimi tutti gli irregolari attualmente presenti sul suolo europeo (con la prospettiva di azzerarli per sempre, derivante dall’azione congiunta di questa misura e di quella che prevederebbe l’esame delle richieste d’asilo nei Paesi d’origine).

Infine, uno specifico capitolo del programma è dedicato alla creazione di «un nuovo partenariato Europa-Africa che promuova lo sviluppo e si dia il compito di sradicare la povertà in quel continente». Tradotto dal buonista al salviniano: aiutiamoli a casa loro. Finalmente lo hanno capito. Meglio tardi che mai. Sul franco CFA, comunque, silenzio imbarazzante.

Giuseppe Scialabba

Commenti

commenti

5 Commenti

  1. Gli dei accecano chi vogliono perdere, scrisse Euripide in una tragedia. Orbene, Iddio sta rendendo incapaci di vedere e di sentire innanzitutto Jorge Bergoglio, inabile ed ottuso a distinguere i profughi veri dai clandestini, variamente profittatori e parassiti e spesso indotti a delinquere. Quindi il PD, che forse spera in una massa di voti, quando la torbida e confusa masnada di giovanottoni clandestini arruolati, asserviti, spesso anche schiavizzati dalle mafie Italo straniere (esiste anche la mafia nigeriana, ditelo a Bergoglio!) venisse regolarizzata e precarizzata legalmente, destino comune ai giovani italiani. Ma il sano buonsenso popolare, assente nei radical chic arroganti, spocchiosi, ben riparati nei loro quartieri riservati, capisce il caos da babilonia universale che tale Invasione comporterebbe. Peraltro in uno Stato come il nostro, debole, frantumato, sgangherato, incapace di offrire al cittadino italiano le stesse garanzie e sicurezze di base.

  2. i signori di sinistra sono ,criminali e inutile girarci intorno vanno arrestati poiché criminali legalizzati l’italia non ha bisogno di stranieri per essere potente l’italia deve tornare ad essere antidemocratica la democrazia uccide , e i risultati sono evidenti l’italia deve soprattuto sverminare l’islam non possiamo sottometterci ai barbari nemici di Cristo e dell’italia stessa. se il nemico non si abbatte dalla radice la vedo dura .preparatevi per la terza guerra mondiale…
    non c’é 2 senza 3….

  3. A seguito della repressione, censura attuata al Salone del Libro di Torino nei confronti della Casa Editrice Alta forte da parte della sinistra portavoce del pensiero Unico dominante e su quasi tutti i media io in controtendenza al pensiero unico dissento contro la repressione perpetuata contro l’Editrice Votando Casa Pound. Nel passato la repressione e la censura non hanno mai apportato voti a chi la pratica. Tanti e poi tanti voti per Casa Pound

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here