Roma, 10 lug – La nomina dovrebbe essere ormai questione di ore. Lorenzo Fontana, attuale ministro per la Famiglia e la disabilità, occuperà il dicastero per gli Affari europei. Una decisione attesa dall’8 marzo scorso, da quando, dopo le dimissioni di Paolo Savona, il ruolo era stato occupato ad interim dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Proprio il premier nella serata di ieri avrebbe dato il definitivo via libera al rimpasto voluto da Salvini, dopo che per mesi la trattativa si era arenata sul nome di Alberto Bagnai (ex guru No Euro) considerato appunto troppo “euroscettico”. La decisione dovrebbe essere ufficializzata a breve, forse nel corso del Consiglio dei ministri di domani.

Fontana il fedelissimo di Salvini

La questione rimpasto era tornata di attualità dopo le Europee del 26 maggio, quando dopo la vittoria della Lega sembrava fosse imminente un rimpasto di governo che garantisse più poltrone al Carroccio. Per il momento Salvini sembra accontentarsi del ministero per le Politiche Ue: “Chiedete ai 5 stelle, c’è l’urgenza, non come Lega, ma come governo italiano, di avere un ministro a Bruxelles, se questo da parte dei 5 stelle comporterà altri movimenti non so, a me basta uno”. Insomma per il momento il vicepremier si “accontenta” di piazzare agli Affari europei un suo fedelissimo come Lorenzo Fontana. Del resto fu proprio il veronese l’uomo della svolta “sovranista” della Lega in Europa, iniziando a tessere rapporti e alleanze con Marine Le Pen e gli altri già cinque anni fa.

Chi sostituirà Fontana al ministero per la Famiglia?


In questo modo Salvini si assicurerebbe maggior peso in Europa, con un leghista che accompagnerebbe il presidente del Consiglio in diversi consessi europei. Per Lorenzo Fontana la questione ha anche un risvolto privato, visto che a Bruxelles vivono sua moglie e sua figlia. Resta ora da capire chi andrà ad occupare il posto lasciato vuoto al ministero della Famiglia e della disabilità. Al momento l’ipotesi più probabile è di una nuova gestione ad interim del premier Conte, nell’attesa (si spera più breve che quanto avvenuto per gli Affari Ue) di un nuovo nome.

Davide Di Stefano

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here