Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 mar – “Un governo di scopo con il Pd? Si potrebbe fare, e poi subito al voto”. Giancarlo Giorgetti, vicepresidente della Lega, non escludo un accordo con il partito ancora in mano a Renzi. La presunta linea fedelmente sovranista di Salvini viene così messa in discussione, almeno stando a queste dichiarazioni, da uno degli uomini di punta della Lega. Non è quindi affatto scongiurato un rischio larghe intese, anzi in questo caso si parla proprio di eventuale esecutivo tra il partito di centrodestra più votato e il Partito Democratico.
Uno scenario inverosimile? Può darsi, sta di fatto che mentre sono partiti tatticismi e trattative tra i vari partiti, Giorgetti ha lanciato un messaggio inequivocabile. “Un governo di scopo con il Pd per realizzare la legge elettorale e la manovra? Per la legge elettorale sì, per la manovra no, perché la visione rispetto a questioni fondamentali come l’Europa e le tasse lo rendono un po’ complicato. Ma la palla è nelle mani del presidente della Repubblica “, ha specificato il vicesegretario della Lega a Radio anch’io (su Rai Radio1). E’ chiaro che Mattarella dovrà gestire una situazione complicata, è altrettanto evidente però che l’atteggiamento di alcuni esponenti dei principali partiti stanno cercando in tutti i modi di evitare un ritorno alle urne. Anche a costo di allearsi con gli storici avversari.
“Ci rendiamo conto che la situazione è bloccata per motivi di numeri, noi faremo la nostra proposta, la faranno i Cinquestelle, vedremo quella che avrà le gambe per camminare, se nessuno l’avrà si tonerà a votare cercando un chiarimento”, ha poi detto Giorgetti. Se la proposta della Lega implica però anche il tentativo di accordarsi con il Pd lo scenario che si prefigura non è affatto roseo, sia per un governo pastrocchio che verrebbe fuori (per quanto almeno sulla carta di breve durata), sia, soprattutto, per la capacità di guidare la Nazione. Eppure, a sentirli in campagna elettorale, promettevano tutti ben altro.
Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. per me uno scenario anche se improbabile, è un governo della lega, con grillini e piddini che coinfluiscono in FI.
    -berlusconi si rafforza nella coalizione
    -il cdx ha i seggi necessari per la maggioranza
    -la lega governa – quel che può.

    • Mi dispiace deluderti Bracco ma il 32% del popolo sovrano ha votato i 5s, mentre il 37% ha votato il centrodestra ma se includiamo le altre destre non oggi nella in coalizione, si arriva ad un 42% minimo.E’ probabile che chi pensava di guadagnarci da una legge elettorale confusa ora voglia rifarla per dare un chiaro vincitore; ad esempio mettendo il premio di maggioranza al raggiugimento del 35% e non del 40%.Questa è’ una mia ipotesi ma sicuramente qualche partito ha fatto male i suoi conti nella nuova legge elettorale e invece di vincere è rimasto in stallo

  2. vorrei un governo 5stelle-lega,i vincenti si assumessero la responsabilita’ di far felici gli italiani.

Commenta