Il Primato Nazionale mensile in edicola

Piacenza, 18 lug  – Beppe Grillo prosegue il suo Insomnia Tour e questa volta dal palco di Villa Raggio di Pontenure, nel Piacentino ha condotto un attacco contro Matteo Salvini  e il suo partito, accusandone gli elettori di essere gli “ignoranti” d’Italia.

“il 35% degli italiani non sa leggere”

Il comico genovese, davanti ad un pubblico risicato, dati alla mano vorrebbe dimostrare che i poco alfabetizzati sarebbero i responsabili del successo elettorale e di consenso della Lega: “Il popolo italiano, siamo noi, 35 per cento degli italiani sanno a malapena capire quello che uno dice, leggere e scrivere. Che, combinazione, è la stessa percentuale della Lega”.

“M5S? Una zuppa di pesce”

Poi passa a deridere Salvini sulla questione delle pallottole che gli sono state inviate per minaccia: “Non so più cosa inventarmi… Al Tg1 ho detto che sono stato aggredito da un gatto. Ormai anziché buste coi proiettili ai politici, devi mandare una busta con dentro un libro”. A onor del vero, Grillo non lesina bordate nemmeno ai cinquestelle: “Eravamo un acquario: io, Casaleggio, Di Battista. Poi l’acquario è bollito e oggi siamo una zuppa di pesce”. Prende le distanze persino dal governo che vede i pentastellati alleati (instabili) della Lega di Salvini: “Governo? Che cos’è? Una parola che non significa più niente. Governiamo noi? Non si governa più ormai. Si cerca di fare qualcosa, e appena ci provi capisci che c’è qualcosa di strano”.

“Camilleri? Non si capiva un cazzo”

Ma, per fortuna, Grillo torna al suo bersaglio preferito, i giornalisti: “Sono criminali, sono loro i responsabili dell’appiattimento culturale”. Poi passa ad omaggiare, sui generis, Andrea Camilleri, lo scrittore siciliano appena dipartito: “Alzi la mano chi davvero ha mai letto un suo libro. Io mai. Non ci si capisce un cazzo, tutto in dialetto”.

Lo sproloquio in russo

Gli stessi giornalisti che prima lui aveva attaccato, lo interrogano a fine spettacolo riguardo allo “scandalo” Russiagate, ma Grillo con una battuta evita di rispondere: “Non posso, ho una religione che mi vieta di parlare”. Poi è passato a fingere di parlare il russo. E anche qui, di risate ne ha strappate ben poche.

Ilaria Paoletti

6 Commenti

  1. Quegli italiani che votano la Lega sono i reduci di una destra distrutta da un tizio coniugato in Tulliani che ha annacquato la destra sociale per farla entrare in una coalizione di destrina liberale all’acqua di rose.
    Inoltre la destra è stata demonizzata nel dopoguerra da una certa propaganda che l’ha sempre dipinta come il demonio.
    Alcuni di essi votavano la sinistra prima che questa si debosciasse in sinistra globalista.

    Ribadisco che questa epoca ha bisogno di menti,movimenti e partiti politici che sappiano prendere posizioni forti,non certo di moderati.

  2. dissento,grillo…
    io so leggere benissimo,scrivo come un autore d’altri tempi
    e so far di conto quasi come un maestro di scuola.
    la mia media lettura si posiziona da decenni sugli 8\10 libri al mese,
    un numero imprecisato di riviste scientifiche o di approfondimento
    e non sto nemmeno a considerare il tempo che perdo sulla rete,
    a caccia di attualità,notizie,curiosità e simili…
    tutti i giorni.
    e nonostante tutto questo,
    voto salvini.

    non perchè mi piaccia particolarmente,
    ma perchè tutti gli altri fanno schifo,
    compresi i M5S,
    vostri rappresentanti al governo….
    e perchè è L’UNICO
    che vorrebbe rimettere (o almeno finge di voler rimettere)
    un minimo di regole e di ordine
    in questo disgraziato paese..
    ed è l’unico che fa (o finge di fare)
    quello che gli viene richiesto dall’italia profonda.
    questo che è sempre mancato in italia:
    un partito e degli uomini politici che si rendano conto che sono li a lavorare per noi..
    e che quindi devono fare quello che NOI vogliamo,non quello che pare a loro.

    quindi anziche criticare e fare commenti idioti come questo che da il titolo a questo articolo,
    vedete di svegliarvi fuori,eh?
    siate gli ultimi arrivati e quindi dovreste essere ancora a contatto con la gente,
    (almeno cosi dite..)
    ma non vi siete resi conto di una semplicissima cosa:
    noi NON abbiamo più pazienza.
    se salvini va sempre più su non è perchè siamo noi che siamo stupidi…
    ma è perchè segue il volere della gente,non le proprie idee personali:
    ed è perchè ha capito che se non farà quello che dice,
    noi ne cercheremo un altro..
    ancora più estremista e arrabbiato,con tutte le conseguenza del caso.

  3. Grillo pensa prima ancora di imparare a distingure la comicità dala politica, alle tua dichiarazionei dei redditi !!
    I veri ignoranti o, meglio forse ingenui, sono quelli che hanno creduto a te e alla tua esclusiva volontà distruttiva l! Hai creato un mostro pieno di serpi in seno di plurime ideologie politiche. Credo che Di Maio non sia una vittima di Salvini, ma una tua vittima e dei tuoi scagnozzi ortodossi malefici ed ignoranti che tui hai coglobato insieme con il tuo odio e la tua cattiveria vestita di comicità .
    Grillo l’unico che merita il Vaffa… sei prfoprio tu… togliti dai C…..i pagliaccio malefico!!!

  4. Io non saprò leggere , ma tu non fai manco più ridere , come il tuo ex autore …. Antonio Ricci .
    Andare a zappare che vi fa bene , in quello aveva ragione Pol Pot .

Commenta