Palermo, 24 ago – Barriere antiterrorismo Palermo CasaPoundInvece delle strade, chiudiamo le frontiere“. E’ la scritta “provocatoria” di CasaPound realizzata su alcune barriere antiterrorismo installate a Palermo in seguito agli attentati in Spagna. In piazza Verdi e in altre zone centrali del capoluogo siciliano sono comparse le scritte che hanno subito generato la reazione scomposta dei buonisti, che accusano il movimento della tartaruga di “populismo”.

E’ la nostra risposta polemica al Sindaco Orlando e a Giusto Catania che chiedevano l’abbellimento dei blocchi antiterrorismo”, spiegano i referenti siciliani di CasaPound. “Ci stanno ammazzando come cani, entrano in Europa grazie all’immigrazione sostenuta da questi signori, hanno vitto e alloggio pagato, mentre il nostro popolo muore di fame”.

“La battaglia contro l’immigrazione – prosegue CasaPound – è una battaglia di popolo e di civiltà. Non abbiamo paura delle altre culture, ma dobbiamo, prima di tutto, difendere la nostra e pensare al nostro popolo e ai cittadini in difficoltà. Orlando, e tutti gli immigrazionisti, vivono fuori dal mondo, e ora che le nostre città sono blindate per colpa loro, vogliono abbellire e colorare le barriere antiterrorismo per far passare in modo soft il fatto che abbiamo un nemico in casa”.

Davide Romano

1 commento

Commenta