Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 ago – Porti chiusi per la Mare Jonio, la nave della Ong Mediterranea. E’ stato firmato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini il divieto di ingresso, transito e sosta nelle acque territoriali per l’imbarcazione che fa riferimento ai centri sociali e che ha a bordo un centinaio di immigrati irregolari. Il provvedimento è stato inviato ai ministri della Difesa Elisabetta Trenta e delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Lo riferiscono fonti del Viminale. Vedremo se con l’inciucio M5S-Pd quasi completato (tra poche ore il Presidente Mattarella annuncerà la nascita del governo Conte bis) i ministri penstellati controfirmeranno l’ordine del Viminale, come fatto di recente con la nave Ong Eleonore.

Sangue di Enea Ritter

La sfida dei centri sociali al Vimimale

La Mare Jonio, dissequestrata dalle autorità italiane il 2 agosto scorso, dopo alcuni giorni di sosta nel porto di Licata è partita il 22 agosto dalle coste siciliane in direzione del Mediterraneo centrale, proprio di fronte alle coste libiche. Era chiaro fin da subito che la nave con a bordo Luca Casarini (l’ex no global) e Cecilia Strada (figlia di cotanto Gino) avrebbe raccolto dei clandestini per poi puntare a un porto italiano in aperta sfida al Viminale.

Black Brain

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta