Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 lug – E’ in arrivo un nuovo Dpcm estivo del premier Giuseppe Conte per prorogare le misure di sicurezza anti-contagio (in scadenza il 14 luglio). Mentre – numeri alla mano l’emergenza coronavirus è chiaramente e abbondantemente rientrata, il governo giallofucsia vuole congelare tutto a quando eravamo appena usciti dal lockdown. Sul fronte del rischio di importare nuovi focolai di Covid-19 dall’estero, viene prorogato (e questo è un bene) il divieto di entrata in Italia da chi arriva da 13 Paesi contenuti nella black list. Per quanto riguarda la situazione interna, arriveranno norme chiare per evitare assembramenti e in ogni caso martedì il ministro della Salute Roberto Speranza riferirà in Parlamento i provvedimenti che il governo intende prendere. In programma, come è noto, c’è anche la proroga dello stato d’emergenza e la legittimazione delle restrizioni delle libertà personali. Notizia che ha scatenato le ire dell’opposizione e la preoccupazione del mondo delle imprese e dell’industria. Proroga peraltro bocciata senza appello da fior fiore di giuristi che condannano la volontà di sospendere la Costituzione fino alla fine dell’anno.

Confermato obbligo mascherine e non solo

Secondo quanto anticipato dal Corriere della Sera, vediamo quali dovrebbero essere le norme contenute nel prossimo Dpcm. Confermato l’obbligo delle mascherine nei luoghi chiusi, via invece i guanti: meglio il gel disinfettante. Anche perché i guanti rischiano di diffondere il contagio se utilizzati in modo sbagliato. Confermato l’obbligo di lasciare le proprie generalità nei luoghi pubblici, che conserveranno i nostri dati per 14 giorni. Sarà ancora necessaria la sanificazione dei luoghi, la presenza del disinfettante per igienizzare le mani e i termoscanner per la rilevazione della temperatura corporea quando si entra in centri commerciali e uffici.

Discoteche: chiusura prorogata fino a fine luglio

Per quanto riguarda le discoteche e le sale da ballo ci sarebbe una brutta notizia. La riapertura era prevista per lo scorso martedì, sembra invece che il governo, almeno per quanto riguarda i balli al chiuso, voglia prorogare il divieto fino a fine mese. Speranza ha sottolineato che “se le Regioni decideranno di farlo autonomamente, possono eliminare le restrizioni ma dovranno assumersene le responsabilità“. Insomma, sarà a loro rischio e pericolo. Posizione confermata dal ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia, secondo il quale spetta alle regioni decidere a seconda dell’andamento della curva epidemica del coronavirus. Il solito scaricabarile, insomma.

Sanzioni salate per stabilimenti e locali

Il divieto di assembramento è prorogato ed è imposto in ogni dove, sia tra i locali della movida che in spiaggia. Previste multe e sanzioni salate per chi non rispetterà le leggi vigenti, sia al mare che in città. Nel mirino delle forze dell’ordine quindi ci sono stabilimenti balneari e locali notturni. I primi devono rispettare il distanziamento previsto tra ombrelloni, sdraio, bagnanti. In caso contrario parte la sanzione. Stessa cosa per i locali e ristoranti che dovranno continuare a controllare gli accessi ad aperitivi, pranzi e cene. In tal senso, potrebbe presto arrivare una nuova circolare del Viminale.

Fiere, eventi e sagre: lunedì il parere del Comitato tecnico scientifico

Su fiere, eventi e sagre il governo non ha ancora deciso: domani, lunedì 13 luglio, dovrebbe arrivare il parere degli “espertoni” del Comitato tecnico scientifico. Il tutto mentre molti epidemiologi e virologi fanno presente che è un’assurdità prorogare lo stato di emergenza e le restrizioni in questa fase più che calante dei contagi.

Confermato stop a voli in Italia da 13 Paesi

Confermato infine lo stop ai voli in Italia da 13 Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Kuwait, Oman, Bosnia Erzegovina, Macedonia del Nord e Moldova, Brasile, Cile, Panama, Perù e Repubblica Dominicana. Divieto valido anche in caso di voli “triangolati”, ossia multitratta con più scali. Gli italiani che arrivano da questi Stati possono rientrare, ma devono mettersi in quarantena. Isolamento di 14 giorni anche per chi arriva dagli Stati Uniti.

Adolfo Spezzaferro

6 Commenti

  1. basta segregazione sociale ( in America la chiamavano apparteid). aprire le fabbriche, riempire bar, negozi, discoteche e alberghi. far correre camion e treni. si raccomanda di disinfettare accuratamente il cervello di Conte e dei suoi tira-piedi( con acido solforico).

  2. Oggi , una mia vicina ha invitato i compagnucci di squola del figlio ….
    TUTTI , finti adulti compresi SENZA MASCHERINA e senza mantenere le distanze ……

    ora mi dovrebbero spiegare PERCHé gli stronzetti NON potevano andare a squola (q voluta) a scambiarsi i droplet … ma possono ROMPERE I COGLIONI per 6 ore con gli IRRESPONSABILI genitori adoranti ???????
    A settembre ANCORA il cumutat tecnc scentiific chiuderà gli stronzetti e i
    genitori a casa ????
    che poi tanto si ritroveranno simil massoneria a casa di gigetto poi a casa di pierino ??????

    MA BASTA !!!!!!

    NON ANDRà BENE UN CAZZO !!!!!!!

    CONTE falla FINITA HAI ROTTO I COGLIONI !!!!!!!!!!!

  3. PS per chi non VUOL CAPIRE ….. i bambini ed i loro IRRESPONSABILI
    genitori …. hanno fatto combriccola ANCHE nei mesi di chiusura …..

    poi i vari burioni ROMPONO I COGLIONI !!!!!!

    RIAPRITE LE SCUOLE e FATELA FINITA !!!!!!!!!