Roma, 23 set – Giorgia Meloni rilancia ancora sul presidenzialismo, e lo fa da Piazza del Popolo, a Roma, durante l’ultimo comizio prima del voto con gli alleati di centrodestra.

Meloni insiste sul presidenzialismo: “Anche senza la sinistra”

Giorgia Meloni riparla di presidenzialismo e lo fa “alzando la posta”, per usare l’espressione scritta da Tgcom24:”Se gli italiani ci daranno la maggioranza faremo una riforma in senso presidenziale e saremo felici se la sinistra vorrà darci una mano, ma se gli italiani ci daranno i numeri noi lo faremo anche da soli”. Il leader di FdI pronuncia queste parole nel finale dell’affolato comizio. Poi l’attacco al Pd: “Quando è arrivata la democrazia la sinistra ha perso la testa, è una sinistra rabbiosa, violenta che a il terrore di perdere il suo consolidato sistema di potere”.

“Siamo la vera maggioranza del Paese”

Una coalizione che salva l’apparenza dell’unità, almeno dal palco del comizio. La Meloni è preceduta dai due alleati. Silvio Berlusconi dichiara: “Sono qui perché siamo uniti, noi siamo la maggioranza vera del Paese. In ogni turno elettorale, nelle amministrative, europee e politiche abbiamo avuto sempre la stessa risposta: l’Italia non vuole essere governata dalla sinistra”. Immancabili le rivendicazioni sui risultati dei suoi esecutivi: “Tra gli oltre 70 governi della storia della Repubblica, noi siamo stati i soli a non mettere le mani nelle mani nelle tasche degli italiani, a non aumentare le tasse e ad abbassare la pressione fiscale sotto il 40%. Oggi è al 44%”. Quanto a Matteo Salvini, si dice sicuro di “governare bene per i prossimi 5 anni”.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta