Roma, 28 ago – “Scioglimento immediato delle Camere e ritorno alle urne“. In caso contrario “scenderemo in piazza contro il tradimento degli italiani“. Giorgia Meloni, al termine delle consultazioni al Quirinale, ha ribadito la posizione di Fratelli d’Italia sulla crisi di governo: “Abbiamo chiesto al Presidente di valutare questa eventualità (il voto anticipato, ndr) anche se M5S e Pd scegliessero di stringere il ‘patto della poltrona’. I due partiti avevano promesso di fronteggiarsi, invece si uniscono. E’ un tradimento degli italiani“. La Meloni ha attaccato duramente l'”inciucione” dem-stellato: “Un governo che nasce per aggirare la democrazia, si alleano per impedire agli italiani di votare. Un governo che nasce per fare il contrario di quello che chiedono i cittadini, blocco dell’immigrazione, pugno duro in Europa. E’ un inganno. In questa settimana di trattative, abbiamo sentito parlare solo di poltrone. I programmi arriveranno dopo, prima ci mettiamo d’accordo e poi, forse, parliamo dei problemi degli italiani”.

“Si rischia un altro governo che litigherebbe su tutto”

La leader di FdI lancia l’allarme anche sulla “difficoltà di sopportazione tra queste due forze politiche. Si rischia un altro governo che litigherebbe su tutto -. Il pericolo è quello dell’immobilismo legislativo, – dato che la maggioranza sarebbe destinata a durare pochi mesi. La stabilità ci sarebbe se si andasse a votare perché verrebbe eletta una forte maggioranza“, sostiene la Meloni (riferendosi ovviamente  a una maggioranza di centrodestra). Poi l’appello al Colle: “Il presidente Mattarella non ha nessun obbligo costituzionale di dare il via al governo. La sovranità appartiene al popolo, quindi sarebbe in linea con l’art.1 della Costituzione”.

“Abbiamo chiesto a Mattarella di chiudere oggi”

“Aggiungo che abbiamo chiesto a Mattarella di chiudere questa crisi di governo, in ogni caso, oggi. Non concedere altro tempo per questo osceno baratto di poltrone – è l’accusa della leader di Fratelli d’Italia -. Elezioni, libertà, sovranità. Negli ultimi 10 anni, il Pd ha governato 6 anni senza vincere elezioni. Il Movimento 5 Stelle, invece, è entrato nel palazzo dicendo di voler aprire quella scatoletta di tonno. Adesso sono diventati il tonno chiuso in quel palazzo”.

“Scenderemo in piazza con tutti i delusi dei partiti”

Infine la Meloni annuncia: “Non è stato oggetto del nostro colloquio con il Presidente Mattarella ma approfitto della vostra pazienza per annunciare che scenderemo in piazza, se questo governo dovesse nascere, e invitiamo gia’ da ora gli italiani a scendere in piazza con noi, in piazza Montecitorio, il giorno della fiducia”. “Vogliamo dare voce agli italiani che capiscono l’inganno che si sta consumando”, aggiunge la leader di FdI che precisa peraltro che l’appello è rivolto “a tutti i militanti delusi dei partiti che stanno facendo l’esatto contrario di quello che avevano dichiarato, con la forza di alcuna che non ha alcuna responsabilità, né diretta né – sottolinea – indiretta di  quello che sta accadendo”. “Se gli italiani non possono più votare, potranno almeno dire la loro, no?“, conclude.

Ludovica Colli

Commenta