Roma, 20 set – Magia: il carico di immigrati della Ocean Viking è raddoppiato. Ne dà notizia la nave Ong twittando attraverso l’account di Msf: “L’ultima operazione, coordinata dalle autorità marittime maltesi, porta a 218 il numero totale di superstiti a bordo”, fa sapere. E dopo avere rifiutato il porto sicuro di Khms offerto dalla Libia, ci riprova con Italia e Malta – sicura che anche questa volta le verrà srotolato il tappeto rosso.

Così, dopo aver lasciato, nella giornata di domenica, 82 immigrati nel porto di Lampedusa, La Ocean si è subito ributtata nella mischia per riprendere le operazioni di ricerca e recupero: la mattina del 17 settembre la Ong aveva fatto sapere di avere preso a bordo 48 persone. Poi, qualche ora dopo, altre 61, lasciati alla deriva su di un gommone. Giovedì è stato il turno, a 29 miglia dalla costa libica, per altri 73 naufraghi. Dulcis in fundo, coordinata dalle autorità marittime maltesi ne ha recuperati altri 36. In tutto 218 persone. Nel frattempo il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello ha fatto sapere ieri che l’hotspot sta ospitando già il doppio delle persone previste dalla sua capienza massima. Sono infatti 214 gli immigrati accolti a fronte di una disponibilità di 95 posti. Il sovraffollamento sta già innescando gravi problemi di gestione.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteTaglio parlamentari, Pd ai 5 Stelle: “Si farà ma no agli ultimatum”
Articolo successivoBolzano, propaganda antifascista sui muri cittadini: con i soldi pubblici
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

1 commento

  1. Continuate a baciare.i piedi alla merkel e a.macron e fate solo quello che dicono loro chi se ne.frega degli italiani possiamo pure morire l’importante è stare bene loro con comode poltrone e stipendiucci!!!!!!!

Commenta