Il Primato Nazionale mensile in edicola

Napoli, 2 ago – C’è chi lo chiama già “il villeggiante”. Si tratta di un ormai ex paziente ricoverato all’ospedale San Paolo di Napoli, nel quartiere di Fuorigrotta, che non intende lasciare il suo posto letto nonostante sia stato dimesso un mese fa. La storia, che ha dell’incredibile, non è frutto di invenzione. Il degente abusivo non intende rinunciare al trattamento di bed and breakfast che l’ospedale gli riserva. Con in più l’aria condizionata che in giornate roventi come queste, in cui a Napoli la percezione di calore è arrivata a 49 gradi, non può che far comodo.

Il protagonista dell’assurda vicenda è un 45enne disoccupato, che fino al 6 luglio scorso era ricoverato nel reparto di Medicina Generale del San Paolo, ma che poi è stato dimesso. Da quel giorno lui non intende andarsene e continua a occupare il letto e mangiare il cibo che viene preparato per i ricoverati. Entra ed esce dal reparto, e dall’ospedale, come vuole ma se ne guarda bene dal saltare un pasto. E la sera se ne torna a letto. Dall’ospedale hanno fatto sapere di aver provato anche a trovargli una sistemazione alternativa, in un’altra struttura, ma nessuno accetta questo particolare paziente che ora pare essere sano come un pesce. Almeno fisicamente.

Al di là dei risvolti da film a cui l’episodio inevitabilmente si presta, c’è preoccupazione nel direttore sanitario Vito Drago, che riconosce la situazione imbarazzante e soprattutto le conseguenze per chi in quel reparto sta in barella: “Abbiamo bisogno di quel posto letto, glielo abbiamo detto in tutte lingue ma lui niente. Dice che dobbiamo trovare noi una soluzione. Insomma usa l’ospedale come un albergo”. Da qui è scattata la denuncia, che ha fatto intervenire anche la polizia, che tuttavia non ha potuto fare nulla per liberare il letto. Ora il direttore sanitario spera nell’intervento dei Servizi Sociali del Comune.

Anna Pedri

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. .Ottima soluzione contro il disagio sociale..Si evitano la costruzione di case popolari’ le caritas, sussidi di disoccupazione,che non ci sono, ecc.ecc..:)))

Commenta