Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 11 gen – “Casalino vuole asfaltarmi in Aula? Io non ho mai chiesto la conta in Aula, Conte ha detto ‘ci vedremo in aula’, non siamo noi a cercare la conta, ma loro facciano bene i calcoli“, assicura Matteo Renzi. Il leader di Italia Viva chiarisce: “Noi chiediamo più vaccini, più soldi a cultura e teatro, ai giovani. Su questi temi è possibile essere accusati come irresponsabili?”.

Renzi: “Se Conte e Casalino vogliono la conta in Aula spero abbiano fatto bene i calcoli”

E “se ora Conte e Casalino vogliono la conta in Aula spero solo che abbiano fatto bene i conti dei numeri“, è l’avvertimento di Renzi ai microfoni di Rtl 102.5. Il leader di Iv ostenta sicurezza e ribadisce tutte le richieste: “A me del cambio di governo interessa zero, il problema non è come si cambia il governo ma come si affronta la pandemia. A me non importa nulla delle poltrone, ma che non si buttino i soldi” in arrivo dall’Europa. “Quindi o li spendiamo bene o spendeteli senza di noi”.

Il leader di Italia Viva: “Approviamo questo benedetto Recovery”

Poi arriva anche un’apertura sul Recovery plan, a patto che si rispettino le richieste di Iv. “Approviamo questo benedetto Recovery – dice RenZi -. Ma mettiamo questi soldi per le cose utili. Anzi a Conte diciamo: ‘Corri, presenta il Recovery, presenta i ristori’. Ieri hanno detto di chiudere i bar dopo le 18 non permettendo l’asporto e se tu li chiudi, devi dargli i ristori. Allora facciamolo questo decreto Ristori. Sono tutte questioni su cui c’è bisogno di correre, non ne posso più di perdere tempo”. Basta fuffa, dice in sostanza l’ex segretario del Pd. “Una cosa sono i post, i tweet e le storie su Instagram, una cosa sono i documenti. Io non so dire se ci hanno dato ragione, lo saprò quando ci daranno i documenti“, sottolinea.

L’ex premier: “Ci vediamo in Senato. Si vedrà che noi difendiamo gli interessi degli italiani, loro la poltrona”

L’ex premier minimizza sulle ricostruzioni della stampa in merito alla conta in Aula e a quanto avrebbe dichiarato il portavoce del premier. “L’idea di essere asfaltato da Casalino è un’idea alla quale non avevo pensato quando ho iniziato a far politica…. né mi preoccupa né mi esalta questa prospettiva. Io – spiega Renzi – ho proposto dei contenuti e se la reazione di Conte e dei suoi collaboratori è ‘andiamo in aula e li asfaltiamo’, io spero soltanto che hanno fatto bene il conto dei numeri. Se danno queste veline ai giornali, sapete che c’è? Ci vediamo in Senato. Si vedrà che noi difendiamo gli interessi degli italiani, loro che vogliono mantenere la poltrona“, dice a brutto muso.

Renzi vuole il Mes a tutti i costi

Non manca poi il solito richiamo al prestito-trappola Ue. “Ci sono sia Salvini che Beppe Grillo che non vogliono il Mes perché ce l’hanno con l’Europa, io credo che stiano sbagliando, perché l’Europa ha salvato l’Italia per me, viva l’Europa. Se non prendiamo questi soldi, da dove li prendiamo i soldi della sanità? Oggi se vogliamo, possiamo spendere 30 miliardi per la sanità. Allora spendiamoli, servono da morire alla nostra gente“. Una richiesta che serve proprio a mettere Conte nell’angolo, vista la contrarietà del M5S al Mes sanitario.

Il leader di Iv: “Mattarella arbitro, non tiratelo per la giacchetta”

Infine, Renzi cita anche Mattarella: “Il presidente della Repubblica ha detto parole che condividiamo, ma suggerisco di non tirarlo per la giacchetta. In Italia il presidente è un arbitro, non si mette a dire a un dirigente politico ‘fai questo o quest’altro’“. Chissà se alla fine non sarà proprio Mattarella a risolvere questa crisi, con un Conte ter e un rimpasto che piaccia a Renzi.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta