Bruxelles, 5 dic – Si è parlato tanto, in Europa, di quote per la redistribuzione dei richiedenti asilo tra i vari stati europei. Avevano spacciato l’idea come un modo per aiutare l’Italia e alleviare il carico dell’accoglienza dei tanti immigrati che sono arrivati sulle nostre coste. Illusione. La Ue, infatti, fa marcia indietro e per bocca del commissario per l’Immigrazione, Dimitris Avramopoulos, afferma: “La discussione sul ricollocamento obbligatorio è esaurita ed è tempo di andare oltre. La solidarietà può arrivare in diverse forme”. Che tradotto, un po’ brutalmente, significa che l’Italia viene lasciata con il cerino in mano e dovrà gestire da sola le problematiche legate all’immigrazione.

Secondo la Ue, infatti, è impossibile trovare un accordo che metta d’accordo tutti i governi nazionali, e per questo ha deciso di andare avanti, per approvare solo ciò che crea consenso. Bruxelles fa sapere che, in vista delle elezioni europee, vuole consolidare i passi avanti fatti sulla riforma comune di asilo, di voler adottare almeno cinque delle nove proposte che formano il pacchetto. Tra queste figurano i requisiti per la protezione, le condizioni di accoglienza, la creazione di un’Agenzia Ue per l’asilo, la raccolta di impronte digitali (Eurodac) e il re-insediamento. Della questione delle quote di ridistribuzione per i vari Paesi, come si può vedere, non c’è traccia.

Perché Avramopoulos ha dichiarato: “La solidarietà deve essere apportata da tutti noi. Ma la struttura principale di questo meccanismo di solidarietà deve essere costruito su base volontaria”. Dato che i vari Paesi europei sono concordi nel dire che bisogna accogliere ma poi nessuno vuole gli immigrati a casa sua, l’Europa alza le mani e se ne infischia di abbandonare l’Italia all’invasione. Un destino simile a quello della Grecia, anch’essa lasciata sola a gestire l’emergenza migratoria.

Parallelamente Avramopoulos ha chiesto ai Paesi europei che hanno respinto il Global compact di ripensarci. Perché secondo lui, e quindi secondo l’Europa, il Global compact “è nell’interesse dell’Europa, degli Stati membri e di tutti i Paesi direttamente o indirettamente coinvolti nelle migrazioni”. Infine insulta chi si oppone a questa forma di invasione legalizzata e dice: “Chi respinge il patto dei migranti non ha studiato abbastanza. Si tratta di creare una nuova piattaforma per una collaborazione multilaterale. Nessun Paese può farcela da solo”.

Anna Pedri

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here