Roma, 27 ott – “Dopo il via libera del ministero della Pubblica amministrazione, è arrivato quello del Mef: sulla carta di identità elettronica dei minorenni ci sarà lo spazio per indicare madre e padre, anziché l’espressione generica ‘genitori’. Ora manca il parere del Garante della privacy, e poi – sentita la conferenza Stato-città – potrò firmare il decreto. Dalle parole ai fatti!”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che da tempo aveva annunciato di voler eliminare quel “genitore 1” e “genitore 2” imposto ai cittadini italiani dall’ideologia gender.

Piccole (o grandi?) battaglie vinte. Avanti tutta. Grazie a tutti i ministri coinvolti”. E’ il commento del ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana su Facebook.

Salvini lo scorso agosto aveva dato disposizione al Viminale di cambiare le diciture sui moduli per la richiesta della carta d’identità elettronica per i minorenni, mettendo così in pratica un’idea che aveva reso pubblica già nel 2014. “E’ una piccola cosa, un piccolo segnale, però è certo che farò tutto quello che è possibile al ministero dell’Interno e che comunque è previsto dalla Costituzione. Utero in affitto e orrori simili assolutamente no“, aveva detto in quell’occasione.

Alberto Palladino

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedentePetrolio e sovranità nazionale: 56 anni fa l’assassinio di Enrico Mattei
Prossimo articoloDesirée, convalidato il fermo per i tre clandestini africani
Alberto Palladino
Nato a Roma, classe 1987. Studia Scienze storiche e cooperazione internazionale all’università Roma 3 e da qualche anno ha iniziato a percorrere la strada professionale del reporter. Fino ad oggi, nonostante le difficoltà che incontra chi lavora in questo settore da indipendente, è riuscito a coprire alcuni degli scenari di crisi più importanti di questi ultimi anni provando a raccontare, fra gli altri, la secessione in Ucraina e la guerra antiterroristica in Siria. Collabora con importanti testate nazionali e straniere. Ha realizzato reportage dal Kosovo, embedded con la missione italiana, dall’Azerbaijan e dai luoghi di eventi importanti e tragici come gli attacchi di Parigi. Ha collaborato alla realizzazione di progetti umanitari con la onlus Solidarité Identités e la onlus Popoli in molti dei Paesi da cui poi ha scritto per questa testata: Kosovo, Birmania, Siria. Ha viaggiata nella Siria devastata dal terrorismo scattando foto e aiutando i bisognosi, sublimando al massimo la sua vocazione. Per il Primato Nazionale anima la redazione esteri e propone i suoi scatti fotografici per far aprire gli occhi ai lettori, perché è persuaso che nel mondo di oggi non è più sufficiente guardare, bisogna vedere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here