Roma, 11 feb – Per la serie “non che ce ne fosse bisogno, però…”. E difatti, ancora nel pieno dei processi al festival di Sanremo, spunta un video che inchioda la sala stampa dell’Ariston. Tifo da stadio, linguaggio consono agli spalti, faziosità lampante. “Non che ce ne fosse bisogno, però…”: il video postato sui social da Francesco Facchinetti, ha smascherato ulteriormente il politicamente corretto che ha orientato l’intera kermesse.

Il momento registrato nel video, riguarda la rivelazione dei tre gradini più alti del podio: medaglia di bronzo per Il Volo ed è qui che comincia lo show. Si scatena il delirio fra i giornalisti: saltelli, applausi isterici ed un “merde” indirizzato da una donna ai tre giovani tenori. Pare ovvio che la vittoria a tutti costi di Mahmood, fosse l’assoluta priorità di questo Sanremo. Difatti è stato lo stesso direttore artistico, Claudio Baglioni, a sdoganare lingue straniere nel “festival della canzone italiana”.

Evidentemente la goccia che ha fatto traboccare il vaso (della pazienza) di Facchinetti junior, è stata la registrazione che ha così introdotto: “Questo è il video in cui alcuni giornalisti nella sala stampa di Sanremo2019 esultano al terzo posto de ‘Il Volo’ gridando felici: ‘Merde!’ Io vi prenderei a calci in cu*** fino alla fine del mondo: idioti, cogl*** e buffoni”. Non le manda certo a dire l’ex Dj Francesco. E, per quanto i tre tenori non ispirino certo simpatia, risulta difficile dargli torto.

Chiara Soldani

Commenti

commenti

1 commento

  1. La verità proferita con parole semplici e colorite……….tutti sanno che a Sanremo la liturgia sinistra sorosiana purolenta ha prodotto l’ennesimo sfregio al popolo italiano………la verità fa male solo ai vigliacchi comunistoidi, ipocriti e codardi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here