Roma, 22 ott – A dar retta ai sondaggi e guardando al voto di domenica in Umbria emerge un quadro politico interessante, con Italia Viva che addirittura sorpassa Forza Italia e Fratelli d’Italia al suo massimo storico. I numeri risentono delle due “piazze” del fine settimana: da una parte, quella di Orgoglio Italiano in piazza San Giovanni a Roma, che ha visto il destra-centro riunito, dall’altra il lancio ufficiale di Iv alla Leopolda di Matteo Renzi. Ebbene, secondo Swg, che ha elaborato il sondaggio del lunedì sera nel Tg La7 di Enrico Mentana, sono proprio le forze protagoniste nel fine settimana le uniche a guadagnare consensi nell’elettorato. La Lega di Matteo Salvini si conferma primo partito e rispetto alla settimana scorsa fa segnare un aumento dello 0,8% tornando a quota 34%. Notevole la crescita di FdI di Giorgia Meloni, che guadagna a sua volta lo 0,8% portandosi dal 7,6% all’8,4%. In crescita persino Forza Italia, segno che la partecipazione in piazza di Silvio Berlusconi è stata una mossa azzeccata, dal 5,1 al 5,5%.

Brutte notizie per i giallofucsia in vista del voto in Umbria

Sul fronte giallofucsia, invece, i continui scontri sulla manovra non hanno giovato al gradimento degli italiani. Il Partito Democratico, pur confermandosi secondo partito, passa dal 19,4% al 18,8%, in calo dello 0,6%. Ancora più netto il calo del Movimento 5 Stelle, che nel giro di una settimana è sceso dal 18,6% al 17,8% (-0,8%). Non si salva neanche la componente più a sinistra del governo Conte bis: Sinistra Italiana (LeU) perde infatti lo 0,3% e passa dal 3,1% al 2,8%. Per quanto riguarda i piccoli partiti, i Verdi si fermano all’1,9% e +Europa all’1,8%, Cambiamo! del governatore ligure Giovanni Toti all’1,3%.

Insomma, per i giallofucsia è allarme consensi, soprattutto alla vigilia delle Regionali in Umbria di domenica, dove i due principali partiti della maggioranza (il Pd travolto dagli scandali e il M5S che denunciò gli scandali) si presentano insieme per la prima volta.

Adolfo Spezzaferro

Commenta