Roma, 15 nov — Va bene il comunismo, ma anche l’appetito e l’occhio vogliono la loro parte. Un video di un alto funzionario del partito comunista del governo Vietnamita, ripreso mentre viene imboccato con bistecche placcate d’oro dal famoso chef Salt Bae, ha suscitato una bufera mediatica nel Paese, in ginocchio per una grave carenza di cibo e il peggioramento dei tassi di povertà a causa delle restrizioni contro la pandemia



Visita a Marx e bistecche placcate d’oro

L’episodio è accaduto a Londra, dove alcune ore prima — l’ironia! — una delegazione del governo di Hanoi si era recata in visita pubblica alla tomba di Karl Marx. Cosa ci facevano a Londra? E’ presto detto: in qualità di ministro della Pubblica sicurezza del Vietnam, To Lam era a capo di una delegazione al vertice sul clima Cop26 tenutosi a Glasgow, in Scozia. Sulla via del ritorno, il 2 novembre, il gruppo ha posato per alcune foto sulla tomba del padre del comunismo, deponendovi delle corone floreali. Dopo il doveroso tributo al nume tutelare, ai componenti della delegazione è venuto un certo languorino allo stomaco.

Milioni di follower

Sembrava un peccato non approfittare del pernottamento a Londra per pasteggiare nel celeberrimo Nosr-e, il ristorante di Salt Bae, uno dei cuochi social più seguiti al mondo. Con 11 milioni di followers su TikTok, Salt Bae è diventato famoso per il modo teatrale con cui affetta la carne e la cosparge di sale facendolo cadere dall’alto. Il suo ristorante non fa certo prezzi popolari, soprattutto quando i clienti richiedono tagli di carte ricoperti d’oro. Nella fattispecie, si ritiene che le porzioni servite alla delegazione vietnamita siano arrivate a costare circa duemila sterline.

Il video diventa virale

Nella clip di un minuto, pubblicata sui social del ristorante e diventata virale su tutte le piattaforme, si vede Salt Bae mentre serve bistecche ricoperte di lamine d’oro al tavolo dei delegati, infilzandole con una spada e imboccando il ministro. Il funzionario dà la sua approvazione alzando il pollice. Dopo il clamore suscitato in Vietnam il video è stato cancellato. Chi ha pagato il pasto e quanto è costato rimane un mistero.

L’attivista vietnamita per i diritti umani Hoang Dung ha guidato la protesta sui social media, denunciando l’aumento del tasso di povertà a causa delle restrizioni contro il Covid degli ultimi due anni. Hoang ha chiesto alla delegazione perché un pranzo di lavoro, probabilmente pagato con i soldi dei contribuenti, si sia tenuto in un ristorante così costoso. I funzionari vietnamiti non hanno ancora commentato il fatto.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta