Il Primato Nazionale mensile in edicola

Trento, 25 feb – Giro di vite sulle spese per l’accoglienza in Trentino. La Giunta regionale ha previsto che la scure dei tagli riguarderà, tra le varie voci in esame, il trasporto pubblico agevolato dei richiedenti asilo.

Cosa cambia 

Cosa cambia? Vediamo nel dettaglio. Gli immigrati che fino ad ora usufruivano dei viaggi gratis sui mezzi di trasporto erano 1300. Di questi d’ora in poi un migliaio avrà diritto solo a un viaggio andata-ritorno a settimana. I giorni saranno quattro invece per tutti gli inclusi nel progetto Sprar, che devono spostarsi per frequentare i corsi di formazione al lavoro. Continueranno a viaggiare gratis, mantenendo i loro privilegi, i circa 200 stranieri con esigenze specifiche, come chi necessita di assistenza sanitaria giornaliera o i minori che necessitano di andare a scuola. Tutti coloro che non rientrano nella casistica straordinaria, a partire da marzo saranno obbligati ad acquistare i biglietti per i loro spostamenti sul trasporto pubblico. Come gli italiani, per intenderci.

La reazione degli autorazzisti

La reazione degli alfieri dell’accoglienza è stata immediata. Sordi alle istanze degli italiani, ma velocissimi nel mobilitarsi per trovare una soluzione per gli stranieri, hanno lanciato una raccolta fondi per tamponare l'”emergenza biglietti”. È stato il centro Astalli di Trento a proporre l’iniziativa sulla sua pagina Facebook. “Il biglietto dell’autobus è uno strumento importante per l’autonomia di chi è accolto, perché può andare a scuola, imparare un nuovo lavoro con un tirocinio o fare volontariato”, scrivono i gestori del centro. Ma ricordiamo che per le categorie citate nulla cambia e le agevolazioni sono ancora valide…”La scelta di limitare l’utilizzo dei mezzi pubblici rappresenta quindi un disagio per le persone rifugiate ospiti nei progetti di accoglienza che non hanno ancora un reddito. Noi vogliamo continuare a sostenerle perché siamo certi che se possono studiare, imparare, mettersi a disposizione della comunità il loro percorso di inclusione sarà più facile”. E concludono: “Ma da soli non siamo abbastanza, abbiamo bisogno di un aiuto. Sostienici regalando un biglietto o un abbonamento”.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

23 Commenti

  1. Che meravigliosa notizia,a quanto la casa gratuita dopo aver cacciato i proprietari indigeni………..che merda di paese.

  2. Un paradosso inaudito. Ha ragione Salvini nel dire prima gli italiani. Mi spiego: tempo fa sull’autobus della mia città un’italiana indigente è sprovvista di biglietto,sale il controllore e le vuole far pagara la multa. Capisco che spesso non si creda a chi ti risponde così, perché è anche vero che ci sono tanti ” portoghesi” che salgono e scendono come se nulla fosse.La signora spiega mortificata che non li aveva e non li avrebbe potuti pagare perché povera. Difronte all’umiliazione un’altra signora le paga il biglietto per chiudere la faccenda. E se fosse realmente così,dovremmi riflettere perché invece gli stranieri vengono trattati da re con i nostri soldi e poi si diventa crudeli con chi ha reali difficoltà. Sarà un caso isolato o invece ce ne sono altri?

  3. Volevo sapere dove mandare qualche biglietto…. di solo andata per l’Africa per gli immigrati clandestini economici e per questi sinistrati mentecatti. I nostri figli se non riusciamo a pagare la mensa perché non arriviamo a fine mese li lasciano senza pranzo e a questi gli dobbiamo pagare tutto? Avete capito per i sinistrati in italia sranno sparendo? Prima gli italiani e poi se avanza qualcosa vediamo. DaJe Salvini daje

  4. La sostituzione etnica continua. I sinistrati nonostante le batoste elettorali continuano nel loro folle proposito. Questi odiano gli italiani. Abbiamo corso il rischio Cambogia. Speriamo che non gli permettano mai più di avvicinarsi al potere

  5. Mia suocera aveva 7 figli e 2 mucche per mantenere tutti mai avuto un soldo dallo stato perché colrivatrice diretta, i suoi figli a 5 anni lavoravano già in campagna per aiutare.
    Ora a questi presunti bisognosi paghiamo il bus la piscina il cinema tutto per integrarli ma quei sette figli non erano persone? Ora sono adulti e… sorpresa sono bravi lavoratori, forse state esagerando.. Con i nostri soldi… Vergognatevi

  6. E poi c’è gente che fa fatica a permettersi un abbonamento o un biglietto per viaggiare su mezzi anche usurati, per andare a scuola o a lavoro. Questa del Trentino è stata una scelta assolutamente di buon senso.

  7. Se in Trentino hanno deciso questo non posso che condividere la decisoone. Le scelte dal punto di vista sociale in Trentino sono sempre un passo avanti. Per cui sicuramente non intendo contribuire per l’acquisto dei biglietti.

    • ABBIAMO BEN ALTRI NOSTRI POVERI !! A LORO LE PAGO 10 BIGLIETTI SE NECESSITA !! MA A QUESTE MERDE NON LE DO NEANKE UN CENT!!!! E FINITELA SEMPRE CON QUESTI SCARAFAGGI!!! NON MI HANNO REGALATO NIENTE NESSUNO !!! HO SEMPRE DOVUTO TIRARMI SU LE MANIKE E ARRANGIATA!!!

  8. La sinistra è la cancrena di questo paese.
    Noi Italiani dobbiamo essere più bravi di chi ci governa a fare sì che questi non possono più nuocere al nostro paese. Imitiamo paesi al quale la gente scende in piazza,
    Per fare capire che non tolleriamo più la prepotenza di chi ha fallito nella politica

  9. Ormai è una musica che non piace più a nessuno , questa dell’emergenza stranieri ! Aprite gli occhi e guardatevi cosa gira intorno..Alcuni porci comprese cooperative rosse si sono arricchiti, e noi italiani del ceto medio salassate di tasse per mantenere questi che voi chiamate bisognosi.E’ ora di SVEGLIARSI !!!!!!!!!Tantissimi italiani hanno molto più bisogno di loro ma nessuno li contempla e tra ‘altro loro non li manifestano neanche i loro bisogni ,perché hanno una discreta dignità…La gente comune guarda solo quello che gli va di guardare e non va oltre perché è davvero limitata……

  10. Anche io ho bisogno di viaggiare gratis per andare a lavorare. Fatemi una bella raccolta di denaro così se mi avanzano vado in vacanza in Africa. Chissà se i governi africani mi pagano vitto e alloggio e bus gratis.

  11. Ma non avete ancora capito che l’unica speranza della sinistra è quella di “amicarsi” un gran numero di extracomunitari, perché la loro prossima mossa sarà quella di presentare una proposta di dare loro il diritto di voto avendo cosi la speranza di ritornare al governo e fare i loro porci comodi, dato che ormai che con il popolo italiano intelligente ha chiuso.

Commenta