Il Primato Nazionale mensile in edicola

Nell’ormai lontano 2008, durante l’ultima tappa della crisi finanziaria globale, una persona (o un gruppo di persone) sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto ha pubblicato il white paper di Bitcoin. Pochi mesi dopo, il 9 gennaio 2009, Bitcoin è stato rilasciato nel mondo e chiunque poteva scaricare una copia “libro mastro” distribuito. Quattro giorni dopo, Hal Finney ha ricevuto la prima transazione mai effettuata tramite Bitcoin.



Lentamente, l’adozione di questa criptovaluta ha continuato a diffondersi tra il 2009 e il 2013. Nel 2010, Laszlo Hanyecz ha effettuato l’acquisto di Bitcoin più famoso al mondo; si è offerto di pagare 10.000 Bitcoin a chiunque gli comprasse due pizze. Quei 10.000 Bitcoin valevano circa $ 30 all’epoca; per fare un paragone, oggi, nel 2020, tale ammontare di Bitcoin vale circa 100 milioni di dollari. Il giorno del famoso acquisto è passato alla storia come il Bitcoin Pizza Day (scopri maggiori info su https://www.criptovalutenews.com/ ).

Black Brain

Ma, di fatto, a cosa servono i Bitcoin?

Il successo mondiale dei Bitcoin

A parte l’esempio appena citato, è innegabile che, nel primo decennio del 2000, il Bitcoin stesse lasciando il segno come forma di pagamento. Entro il terzo trimestre del 2012, BitPay, un processore di pagamento che consente ai commercianti di accettare Bitcoin, aveva 1.000 commercianti registrati per utilizzare il servizio.

Bitcoin è emerso rapidamente come un’opzione di pagamento popolare sul dark web per via della possibilità di effettuare transazioni in maniera anonima. Nel 2013, l’FBI ha sequestrato il sito Silk Road e ha raccolto 26.000 Bitcoin a seguito del sequestro; successivamente, ha confiscato altri 144.000 Bitcoin da Ross Ulbricht, fondatore ed ex proprietario di Silk Road.

Mentre la storia di Bitcoin è disseminata di aneddoti sui diversi potenziali casi d’uso, resta il fatto che la criptovaluta è ancora molto in auge. I più critici sostengono che Bitcoin (e altre criptovalute) stanno cercando di risolvere un problema che non esiste; dall’altro lato, i sostenitori della valuta digitale affermano che Bitcoin, in futuro, risolverà tutti i problemi finanziari del mondo.

Dai problemi di branding agli ostacoli tecnologici, l’uso su larghissima scala di Bitcoin è ancora solo teorico un decennio dopo dalla sua concezione.

Gli effetti collaterali di Bitcoin

Bitcoin fa molte promesse per il futuro, ma la sua capitalizzazione di mercato di $ 185,7 miliardi è attualmente alimentata quasi esclusivamente dalla “fede” dei suoi investitori. Le valutazioni rialziste di Bitcoin inondano il regno delle notizie di criptovaluta, come un nel famoso articolo pubblicato a giugno 2020 in cui si afferma che Bitcoin potrebbe essere stimato a $ 20k entro metà luglio e $ 100k entro la fine dell’anno.

Mentre il prezzo previsto viene enfatizzato, viene menzionata poca o nessuna tabella di marcia su quale può essere il reale andamento del valore; in altre parole, se le persone continuano ad acquistare Bitcoin al ritmo attuale, è molto probabile che i prezzi del Bitcoin aumenteranno.

Detto questo, la fede è un potente carburante. Alimenta le religioni, le valute esistenti, i governi e ha spinto il prezzo di ogni Bitcoin a $ 10.000. Ma con solo un’adozione limitata (meno di $ 150 miliardi di capitalizzazione di mercato), alimentare il mercato con la sola fiducia porta alla volatilità dei prezzi.

Il volume degli scambi in dollari americani nell’arco di 24 ore di Bitcoin è di circa $ 13,7 miliardi.

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta