Il Primato Nazionale mensile in edicola

Mai più pulizie interminabili con l’idropulitrice, l’alleato perfetto contro lo sporco ostinato

Usata per anni esclusivamente in ambito lavorativo, oggi l’idropulitrice professionale trova spazio nel mondo consumer. Il suo getto d’acqua ad alta pressione pulisce in pochi minuti anche le superfici più sporche, che spesso non si sa come trattare. E di queste in casa ce ne sono a decine, dal pavimento della terrazza agli arredi da giardino. Per non parlare di auto e moto.

La contrazione dei tempi non è l’unico vantaggio. L’idropulitrice è facile da usare e non richiede alcuno sforzo. Basta impostare la giusta pressione dell’acqua per rimuovere anche le macchie più ostinate, senza il bisogno di grattare o strofinare sulle superfici. Non stupisce quindi la loro ascesa commerciale.

Ma come funzionano esattamente? È piuttosto semplice: il motore alimenta una pompa, che mette in pressione l’acqua e la spinge all’interno del tubo, fino alla lancia.

Come riconoscere le migliori idropulitrici professionali e non sbagliare acquisto

I vantaggi di un’idropulitrice professionale sono indiscutibili, ma scegliere il prodotto giusto non è scontato. Esistono infatti diversi tipi di idropulitrice, le principali differenze riguardano la temperatura dell’acqua e il tipo di motore (elettrico o a scoppio).

Le idropulitrici professionali possono essere ad acqua fredda o calda, con caldaia incorporata. Entrambe le tipologie sono adatte all’utilizzo in ambito domestico, ma le seconde risultano più performanti nella rimozione dello sporco, specie quando si tratta di olio o grasso.

Passando alla questione dell’alimentazione, le idropulitrici professionali con motore elettrico sono più pratiche, perché non c’è l’esigenza di reperire il carburante. Tuttavia la massima potenza si raggiunge solo con i modelli a scoppio, utili soprattutto negli ambienti in cui manca l’allaccio alla rete elettrica. Di solito sono estremamente robusti, hanno un’autonomia notevole e costi di gestione più che sostenibili.

Altro fattore da considerare prima dell’acquisto è la potenza. Più è alta, migliori sono le prestazioni dell’idropulitrice professionale. Per avere la certezza di risultati ottimali, andrebbero presi in esame prodotti da almeno 110 bar.

Inoltre chi punta all’eccellenza dovrebbe orientarsi verso macchine con testate in ottone e valvole in acciaio inox, che assicurano maggiore resistenza e durata nel tempo.

Per evitare brutte sorprese è consigliabile rivolgersi solo a venditori specializzati in articoli per la pulizia e il fai da te, e con anni di esperienza alle spalle. Indispensabile la presenza di un servizio di assistenza professionale, recensioni certificate e la possibilità di pagare con PayPal o altri metodi sicuri.

Commenta