Il Primato Nazionale mensile in edicola

 Si chiama #restartfromhome l’iniziativa di Prestashop dedicata ai piccoli e medi esercenti italiani che hanno subito un duro colpo a causa della crisi economica generata dal COVID-19: la nota piattaforma di eCommerce, molto diffusa anche nel nostro Paese, si impegna per rendere più semplice l’accesso al commercio elettronico.

Crollo del commercio al dettaglio

Gli ultimi dati dell’Istat confermano le difficoltà del mondo del commercio in Italia, rese drammatiche dal Coronavirus: nel trimestre tra febbraio e aprile, in pieno lockdown, le vendite al dettaglio hanno registrato un calo del 15,8% in valore e del 16,6% in volume rispetto al trimestre precedente. In particolare, crollano i risultati dei beni non alimentari (meno 30%), mentre i generi alimentari restano stabili – i famosi “beni di prima necessità” a cui non abbiamo rinunciato.

Gli italiani scoprono l’e-commerce

Nella stessa fase, però, è decollato in maniera netta anche il commercio elettronico, con un incremento positivo di circa il 30% rispetto ai periodi precedenti: le misure di divieti alle uscite e le preoccupazioni per la diffusione del Covid hanno quindi spinto molti più italiani sui canali digitali, dove hanno acquistato ogni tipologia di prodotto.

L’iniziativa di PrestaShop

Per andare incontro alle esigenze di attività di piccole e medie dimensioni, PrestaShop ha quindi deciso di investire in un programma innovativo di social learning, che offre a tutti i rivenditori l’opportunità di scoprire le potenzialità dell’eCommerce e di apprendere trucchi e tecniche per ottenere risultati migliori.

Rendere vincente il progetto online

Non è infatti sufficiente aprire un sito e “sperare” di attirare la clientela, ma sono necessarie tattiche e strategie specifiche per ottenere visibilità sui motori di ricerca e sui canali pubblicitari di riferimento; ciò nonostante, le ultime stime rivelano che la stragrande maggioranza dei visitatori (più del 90%) abbandona il carrello o lascia il sito senza fare acquisti.

Tra i fattori che possono fare la differenza in questo senso ci sono la velocità di caricamento delle pagine e l’affidabilità del server: l’azienda italiana Flamenetworks si qualifica come miglior hosting per Prestashop grazie con un servizio dedicato in maniera specifica a questo CMS pensato per creare con pochi sforzi e-commerce e negozi online.

RestartFromHome per apprendere le basi del commercio online

Non meno importante è la formazione, obiettivo a cui tende l’iniziativa di Prestashop, che consente l’accesso gratuito per rivenditori online a un gruppo Facebook con guide, tutorial, mentoring, sconti e promozioni di brand partner. Senza muoversi da casa, i proprietari dei siti potranno seguire i consigli di esperti e professionisti del settore e apprendere le indicazioni di base e i segreti per lanciare un negozio online e ripartire più forte di prima.

Investimento sul futuro

Mai come prima d’ora, l’e-commerce può essere una risposta alla chiusura forzata delle attività commerciali, aiutando nell’immediato a non tenere le merci ferme in magazzino; sul medio-lungo periodo, poi, lo shop digitale può diventare un canale aggiuntivo in tempi di normalità, attraverso cui acquisire nuovi clienti e fidelizzare gli attuali.

Le potenzialità del commercio online

Come spiega Luca Mastroianni, Head of International di PrestaShop, RestartFromHome è una soluzione di social learning innovativa e completamente gratuita che viene messa “a disposizione dei commercianti italiani, per aiutarli a fronteggiare questo momento di difficoltà per la loro attività”. L’iniziativa “consente ai merchant di acquisire e padroneggiare gli strumenti fondamentali per avviare e potenziare il proprio negozio virtuale, supportando così il loro business in un periodo in cui il commercio al dettaglio deve affrontare sfide importanti”. Un investimento di tempo che può dare risultati anche nel futuro, passata la crisi, perché “queste competenze rimarranno un patrimonio per loro prezioso per integrare e innovare la propria attività, ogni volta che ne sentiranno la necessità”.