Il Primato Nazionale mensile in edicola

Ha avuto inizio proprio in questi giorni Cyber Challenge 2020, un’innovativa manifestazione che coinvolge tutto il territorio nazionale e che ha un unico obiettivo: scovare dei giovani talenti del mondo dell’informatica da impiegare nell’ambito della cybersecurity.

Le competenze informatiche e la loro odierna importanza

Quando si parla di competenze informatiche, i livelli possono essere davvero molteplici: tantissime persone, ad esempio, hanno una dimestichezza “di base” con l’uso del PC, sono quindi in grado di navigare in rete, compiere delle semplici operazioni come utilizzare la posta elettronica e i Social Network, utilizzare programmi dedicati alla scrittura di testi, o alla realizzazione di disegni, e via discorrendo.

C’è chi ha delle competenze più approfondite, o magari maggiormente specialistiche: magari c’è chi sa realizzare un sito Internet, occupandosi in piena autonomia della scelta del servizio hosting, della registrazione del dominio presso realtà specializzate come Top Host e di quant’altro sia necessario, c’è chi si occupa di Marketing Online e può quindi attuare, per conto di un cliente, delle campagne strutturate ad hoc, e via discorrendo.

I “cervelloni” dell’informatica, quelli che hanno non solo delle eccellenti competenze, ma anche una straordinaria attitudine verso il mondo digital, possono rivelarsi assai utili alla collettività in quanto possono fronteggiare quanto può esser compiuto dagli hacker, ovvero i pirati informatici che non si fanno scrupoli nel commettere, in rete, dei reati a danno di persone, aziende e istituzioni.

Cyber Challenge 2020: si cercano giovani talenti informatici

Proprio alla luce di quanto detto viene organizzata la Cyber Challenge, una sfida di carattere nazionale che coinvolge tantissime università italiane e che riguarda giovanissimi esperti informatici, includendo anche ragazzini che frequentano ancora la scuola.

In questi giorni si sono tenuti i test nei vari atenei italiani, da cui si stabilirà chi saranno i giovani informatici che prenderanno parte ad un apposito percorso formativo: come si evince visionando il sito web ufficiale della manifestazione, le lezioni si terranno da marzo a maggio 2020.

Sicuramente questo percorso di formazione sarà utilissimo ai giovani programmatori: grazie alle preziose lezioni che verranno loro garantite, infatti, avranno sicuramente modo di specializzarsi in modo ulteriore e di scoprire nuove tecniche operative destinate a rivelarsi utili in mille modi differenti.

Non solo: Cyber Challenge prevede anche una vera e propria sfida (“challenge”, d’altronde, in lingua inglese significa proprio questo, ovvero sfida, competizione), di cui gli allievi saranno protagonisti.

Dapprima si terranno una serie di sfide a carattere locale, le cosiddette Local Challenge, dopodiché i giovani informatici che sapranno distinguersi si giocheranno il National Awards il 10 luglio 2020, ovvero la sfida a carattere nazionale da cui verranno fuori i talenti più straordinari, senza nulla togliere, ovviamente, a tutti gli altri partecipanti.

Un’iniziativa utile e interessante

Non c’è che dire: quest’iniziativa è davvero interessante e potrà sicuramente rivelarsi assai utile, considerando che oggi, purtroppo, tantissimi crimini vengono compiuti in rete e vi è, in generale, un notevole bisogno di maggiore sicurezza informatica.

Ovviamente, i giovani informatici che riusciranno a distinguersi potranno sicuramente cogliere delle importanti opportunità professionali, e anche questo è un qualcosa di assai positivo, soprattutto in un periodo come questo.

2 Commenti

  1. Verso la cybersecurity sovrana…?! Illusioni, con la cybersecurity nel mondo si stanno configurando nuovi confini e manco lo sappiamo. Chiedere a Kaspersky, tanto per cominciare…

Commenta