È fuor di dubbio che nell’ultimo decennio, in Italia, il commercio elettronico è cresciuto a tassi esponenziali. E in maniera altrettanto proporzionata si può dire che sono aumentati anche gli episodi di Frodi online ai danni degli utenti. Ma quali sono i fenomeni di raggiro più frequenti? Come individuarli e in che modo ci si può proteggere?

Secondo dei dati pubblicati di recente dagli esperti analisti dell’e-commerce, le principali truffe avvengono utilizzando e-mail oppure all’interno delle piattaforme di commercio elettronico. Sembra che il fenomeno si stia intensificando anche sui principali social media (Facebook, Twitter, WhatsApp e tanto altro ancora).

Uno dei principali scopi perseguiti dai malintenzionati, che ogni giorno studiano nuove forme di fregature informatiche, consiste nell’acquisizione di dati personali. Grazie all’appropriazione indebita di quest’ultimi, infatti, hanno la possibilità di estorcere denaro al malcapitato di turno.

Le strategie impiegate dagli hacker informatici sono quasi sempre le stesse. Ma malgrado ciò, continua ad essere davvero molto alto il numero di vittime di tutte le fasce di età. Da qui nasce l’esigenza di imparare a riconoscere i tentativi di raggiro da parte dei cyber-criminali e a scongiurarli anche con piccoli espedienti e seguendo dei consigli piuttosto semplici. Molti di questi vengono elencati in diversi articoli pubblicati su www.truffa.net, un sito specializzato in materia che vi invitiamo a consultare.

Alcune dritte per smascherare le Frodi online

Quando l’utente interessato ad effettuare degli acquisti su un portale, è consigliabile effettuare dei controlli sul grado di sicurezza che è in grado di garantire alla clientela. Di solito le piattaforme affidabili fanno uso del protocollo HTTPS che garantisce la mancata intercettazione dei dati trasferiti effettuando delle operazioni in rete (tra cui anche quelli che fanno riferimento alla carta di credito utilizzata per compiere delle transazioni).

Un altro aspetto che va tenuto in considerazione concerne il tono utilizzato nel testo di un’e-mail che propone un affare molto vantaggioso per il destinatario: queste è una delle forme di raggiro più diffuse sul web che al 100% che crea danni irreparabili. In questi casi non bisogna mai inoltrare documenti personali, come per esempio i dati della propria carta di credito o quelli della carta d’identità. Inoltre, occorre evitare di cliccare sul link contenuto all’interno di e-mail inviate da fonti sconosciute che indirizzano l’utente su siti di dubbia attendibilità.

Molto spesso ci sono dei siti di e-commerce che propongono dei prodotti molto conosciuti, e che portano la firma di brand di fama mondiale, a prezzi troppo bassi di quelli mediamente praticati sul mercato di riferimento. Questo indizio, che subito salta all’occhio del consumatore, deve diventare subito motivo di sospetto di un’ eventuale truffa tramata dal falso venditore.

Bisogna capire in quali piattaforme possono essere effettuati gli acquisti, in quanto non tutte sono affidabili. Prima di compiere l’acquisto, è buona regola verificare l’attendibilità del sito del venditore.

Attraverso delle ricerche su Google, di certo non sarà impossibile effettuare nei confronti con le esperienze già maturate dagli altri acquirenti. É buona cosa leggere attentamente le loro recensioni per valutare la serietà di quell’ operatore. Le ricerche devono riguardare anche i dati personali del negozio online: è importante assicurasi che quest’ultimo abbia una sede legale e un recapito telefonico da utilizzare, nell’eventualità, per ricevere assistenza. Non è una cattiva idea, al fine di acquisire maggiori dettagli e stare più tranquilli, effettuare una chiamata per verificare se qualcuno dall’altra parte risponde o meno e se lo fa in modo professionale.

Come assicurare i propri acquisti contro le Frodi online?

L’ultimo consiglio per effettuare degli acquisti in tutta serenità e godere del massimo livello di protezione da eventuali Frodi online riguarda la scelta delle modalità di pagamento da utilizzare. Se si desidera, è possibile impiegare una carta di credito o una Postepay ma il consiglio è quello di collegarla al conto online PayPal.

Questo strumento di pagamento pone al riparo da qualunque raggiro assicurando gli acquisti da parte dei consumatori, fino ad un limite massimo di 2.500€. È possibile effettuare gli acquisti, in modo del tutto gratuito, utilizzando il conto online o una carta di credito collegata ad esso. Se si desidera, si può anche collegare un conto corrente bancario ma in questo caso, bisogna pagare una piccola commissione di 0,40€ per ogni trasferimento di fondi. Sono tanti gli operatori commerciali sul web che annoverano tra le modalità di pagamento da offrire ai propri clienti anche PayPal. Anche questo, se vogliamo, può essere considerato un valido indizio di serietà da parte del venditore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here