Il Primato Nazionale mensile in edicola

La qualità dell’illuminazione di un ufficio è di fondamentale importanza anche per la produttività di chi vi lavora: per questo ogni dettaglio deve essere curato con la massima attenzione. Ne parliamo con lo staff di lampadadiretta.it, a cui abbiamo chiesto delucidazioni in merito.

Come si scelgono i dispositivi per l’illuminazione dell’ufficio?

Uno dei primi aspetti a cui si deve pensare è quello dell’efficienza energetica. Come noto, anche le lampadine e gli apparecchi illuminanti sono dotati di un’etichetta energetica su cui è segnalata la loro classe energetica e che permette di avere informazioni a proposito del consumo di elettricità. Il livello più basso di efficienza è indicato dalla lettera E; quello più alto, invece, è indicato dalla lettera A++. Le lampadine a incandescenza, per esempio, sono di classe D e di classe E, mentre quelle alogene oscillano tra la classe B e la classe D. Salendo nella piramide dell’efficienza energetica ci sono le lampadine fluorescenti a risparmio energetico, che possono essere di classe A o di classe B. Le migliori, però, sono le lampadine led, di classe A, A+ o A++.

Che rapporto c’è tra i consumi e la luminosità?

Per lungo tempo siamo stati abituati a comprare le lampadine basandoci solo sui watt come unico criterio di misurazione del livello di potenza della luce. Allo stato attuale, la situazione è differente: le lampade di nuova generazione con la tecnologia led integrata sono in grado di assicurare la stessa intensità luminosa delle lampadine alogene e a incandescenza che si usavano in passato, ma consumano molto meno.

La luce in ufficio può avere un solo colore?

No, ed è bene tenerlo presente dal momento che il colore della luce che viene prodotta da una lampada è in grado di condizionare tutta l’atmosfera dell’ambiente, oltre ad avere un effetto estetico importante. A seconda della sua tonalità, la luce bianca può essere naturale, fredda o calda: dipende tutto dal livello di calore, che viene indicato in gradi Kelvin. Le tecnologie RGB e CCT di ultima generazione, per altro, permettono alle lampadine led di variare i colori: insomma, è possibile cambiare la tonalità a seconda delle necessità.

Sembra di capire che siano proprio le lampadine led quelle da preferire.

Proprio così: che si parli di plafoniere led, di faretti o di qualsiasi altra soluzione, la tecnologia basata sui diodi a emissione luminosa è molto vantaggiosa, perché permette di produrre molta luce. Inoltre, nel confronto con le lampadine a incandescenza di un tempo si riscontra un risparmio di energia che può toccare il 90%.

Il led può essere integrato anche nelle lampade da scrivania?

Ovviamente sì, fermo restando che nella scelta del prodotto da acquistare ci sono anche molti altri parametri da tenere a mente. Per esempio il tipo di luce: diverse ricerche hanno dimostrato che una luce brillante e bianca è utile per contrastare la stanchezza e per trasmettere vitalità, mentre la produttività e la concentrazione di cui si ha bisogno sul posto di lavoro vengono favorite dalla luce fredda dei led. Chi si dedica a un lavoro creativo, invece, dovrebbe propendere per una lampada da scrivania dimmerabile: in pratica, un dispositivo che consenta di modulare l’intensità dell’illuminazione prodotta. Pare, infatti, che un fascio di luce soffuso sia in grado di stimolare l’immaginazione.

Quali altre caratteristiche dovrebbe avere una lampada da scrivania da usare in ufficio?

Sarebbe auspicabile che fosse dotata di un morsetto o di un braccetto orientabile. Il primo permette di ottimizzare lo spazio sopra la scrivania e al tempo stesso consente di spostarsi senza difficoltà tra le postazioni; il secondo, invece, offre l’opportunità di incanalare la luce come si vuole. Per quel che riguarda gli accessori tecnologici, può essere utile optare per una lampada che sia munita di un attacco USB, così da essere certi di poter contare su dispositivi sempre carichi.

In ufficio possono trovare posto anche le lampade da terra?

Sì, una piantana può essere una soluzione utile dal momento che concede la chance di indirizzare la luce dove si desidera. I modelli a disposizione sul mercato sono numerosi, e tra quelli più in voga in questo momento spiccano le lampade da terra ad arco; c’è da tener presente, però, che essi hanno bisogno di molto più spazio rispetto alle piantane lineari. Il numero di spot è un altro fattore da tenere in considerazione: più sono e meglio è.

Ringraziamo lo staff di Lampadadiretta.it per averci aiutato a fare chiarezza su questo argomento. Chi è alla ricerca di soluzioni per l’illuminazione da installare in ufficio può fare affidamento proprio su questo e-commerce per trovare i prodotti di cui ha bisogno, avendo la certezza di poter approfittare di prezzi decisamente vantaggiosi, ma anche di spedizioni pratiche e rapide, effettuate nel giro di 24 ore dal momento in cui l’ordine viene inoltrato.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta