Il Primato Nazionale mensile in edicola

google-glass-commercioI Google Glass non entreranno in commercio, almeno a breve. La produzione degli occhiali smart che dovevano rivoluzionare il mondo sembra essere in una fase di stallo. Dopo l’uscita della versione beta, quella data in pasto a pochi eletti in fase di test, la distribuzione dei Google Gass ha avuto una piccola apertura verso una cerchia più ampia di sviluppatori e appassionati.

Il prezzo era tutt’altro che accessibile: 1.500 euro per un prodotto che, dopo i primi entusiasmi, è stato oggetto di critiche anche severe. Quello che sappiamo è che la storia dei Google Glass non è finita qui, anche se le vendite della versione sperimentale cesseranno in questi giorni la con chiusura del programma Google Glass Explorer. Per Mountain View però si tratta solo della fine di una fase. Il ritorno degli occhialini sembra essere ancora nell’agenda di Big G, in una versione destinata al grande pubblico (il cui prezzo è per ovvi motivi ancora ignoto).

Perché i Google Glass non entreranno in commercio –  Mountain View si trova a dover dare un nuovo senso al suo prodotto. La rivoluzione lanciata un po’ in sordina provocherà senza dubbio un profondo ridisegno della forma e delle funzioni, tenendo conto anche dei dubbi che riguardano l’intromissione dell’apparecchio nella vita di tutti i giorni, in primis sulla privacy e sull'”invasione” di luoghi pubblici come cinema e ristoranti.

A capo della nuova divisione Glass troviamo infine Tony Fadell, ex manager Apple e ideatore della startup che ha creato il termostato intelligente Nest, finito poi tra i prodotti Google.

Commenta