Il Primato Nazionale mensile in edicola

Nel 2020 molti servizi e molte soluzioni tecnologiche vengono quasi date per scontate, in quanto sono di uso quotidiano, ma in realtà tutto ciò è stato possibile solo grazie ad un’evoluzione nel tempo a partire dagli anni 2000 quando si è iniziati a parlare di ‘ubiquitous computing’, ovverosia della diffusione a macchia d’olio dei computer.

Il boom di internet a partire dagli anni 2000

In pratica, dagli anni 2000, i PC hanno iniziato a divenire onnipresenti rivoluzionando Internet e, in generale, il mondo online grazie al contestuale e progressivo aumento della banda per le connessioni al web prima su postazioni fisse, e poi su quelle mobili.

E così, tra chi gioca e si diverte con la slot Gallina, e chi usa invece il PC per lavoro, il mondo online negli ultimi 20 anni non solo è cambiato radicalmente, ma è pure in continua evoluzione tra il 5G, l’intelligenza artificiale, il cloud computing e l’Internet of things (IoT) per la connessione intelligente e per l’interazione via web di dispositivi, di impianti, di sistemi, di apparecchiature e di oggetti a livello globale.

Il web oggi tra le ricerche su Google e la banda larga

L’Internet oggi, per quanto sopra detto, non sarebbe possibile, non esisterebbe senza gli anni 2000, quelli del boom tra la crescita dell’utilizzo dei PC e delle connessioni al web, e l’aumento esponenziale dei contenuti e dei siti unitamente all’incremento della velocità di navigazione. Inoltre, gli anni 2000 del boom di Internet sono anche quelli dell’affermazione di Google come principale motore di ricerca sul web e come strumento gratuito per cercare e trovare di tutto in Rete.

La rivoluzione online con smartphone e tablet

E se negli anni 2000 l’uso a macchia d’olio di PC ha alimentato il boom di Internet, negli ultimi anni invece, in tutto il mondo, a fare la differenza sono stati gli smartphone ed i tablet che sono diventati, grazie alle connessioni veloci ad Internet in mobilità, degli strumenti e dei dispositivi per il lavoro come per il tempo libero e per l’accesso a notizie, dati ed informazioni di ogni tipo anche attraverso la geolocalizzazione che garantisce ricerche mirate. E così, grazie all’Internet veloce ed ai dispositivi mobili, si può fare quello che nel 2000 ancora era impensabile tra il trovare il percorso più facile per arrivare a casa alla lettura vocale delle ultime notizie, e passando per l’invio di messaggi ai propri amici tramite chat e social network.

Internet nel 2020, l’era della mobilità

Quella in corso per Internet è l’era della mobilità con tutti i servizi che sono in prevalenza ideati, progettati ed implementati per l’uso tramite smartphone e tablet anche perché rispetto al passato gli utenti si connettono sempre meno da postazioni fisse rappresentate dai PC desktop. Di conseguenza, parole come app mobile, mobile banking ed e-commerce sono ormai di uso quotidiano anche perché i relativi servizi spesso sono con accesso gratuito e con la fruizione sicura grazie a connessioni crittografate, uso di firewall e software anti-virus ed anti-phishing.

Commenta