Il Primato Nazionale mensile in edicola

Hong Kong, 26 ott – Dopo anni passati a battibeccare con la sua “nemicamatissima” Lorella Cuccarini, rea di non appoggiare in toto le rivendicazioni Lgbt come ad esempio l’adozione alle coppie omosessuali, Heather Parisi ci spiazza: invece di dimostrarsi una fedele votante democratica, l’americana de noantri appoggia pubblicamente Trump.

Di “sinistra” per litigare con la Cuccarini?

E dire che Donald Trump non è esattamente il presidente che crederemmo meritasse la stima della Parisi: con la “scusa” di controbattere alla Cuccarini, infatti, la vedette di Fantastico negli ultimi anni ha virato sempre più a sinistra con le sue dichiarazioni. Ricordate quando fece addirittura il pugno chiuso, ospite da Fabio Fazio?

Trump “ultimo baluardo”

Adesso, però, inaspettatamente, dal suo rifugio di Hong Kong scrive su Twitter che sosterrà Donald Trump perché per la Parisi è addirittura l’ultimo baluardo per il suo Paese, ovvero gli Usa (la ballerina, infatti, sebbene di origine italiana e abbia trovato qui da noi la sua fortuna, è nata a Los Angeles). “Non avrei mai immaginato di considerare Donald Trump come l’ultimo baluardo del mio Paese” si legge nel suo tweet. “He is on key” scrive ancora in inglese, ovvero “è l’unico che sta sul pezzo”. E accompagna le sue parole all’hashtag Enough is enough, e cioè “la misura è colma”. 

Heather contro la dittatura sanitaria?

Al tweet, la Parisi accompagna il video di Trump che critica l’eccessiva copertura mediatica dedicata al Covid. Qualche giorno fa la Parisi aveva criticato le eccessive misure di sicurezza contro il Covid applicate in Italia, dicendo che a Hong Kong la misura restrittiva per i locali costretti a chiudere alle 18 è durata meno di 48 ore, accogliendo quindi con stima questa decisione. Anche la Parisi quindi è una “ribelle” contro la dittatura sanitaria?

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

Commenta