Il Primato Nazionale mensile in edicola

felipe-andersonRoma, 10 gen – Ad un passo dal giro di boa, la 18esima giornata di Serie A si colora con il giallorosso e il biancoceleste, i colori della stracittadina romana. Inoltre domenica sera un altro big match tra Napoli e Juventus. In zona salvezza spicca Cagliari-Cesena, mentre il Milan cerca il riscatto a Torino contro i granata.

Sangue di Enea Ritter

Sassuolo-Udinese, sabato ore 18:00

Black Brain

Sassuolo: 10° posizione in classifica con 23 punti, 19 goal fatti, 22 subiti. “La vittoria di San Siro ci ha dato entusiasmo, ma non abbassiamo la guardia: quella con l’Udinese è partita difficile e i bianconeri, più del Milan che prova sempre a fare la sua partita, giocheranno anche sui nostri difetti, quindi dovremo fare la massima attenzione”. Queste le parole del numero 1 neroverde, Andrea Consigli. Per Eusebio Di Francesco torna a disposizione il terzino destro Vrsaljko, dopo il lutto familiare. In avanti confermato il tridente che ha spazzato via il Milan.

Udinese: 12° posizione in classifica con 22 punti, 20 goal fatti, 23 subiti. Abbondanza in attacco dove manca solo Muriel, infortunato ed in uscita. Si va verso il binomio Bruno Fernandese e Thereau per dare fiato ad Antonio Di Natale. Stramaccioni dovrà fare, probabilmente, a meno del centrocampista Pinzi per un infortunio rimediato, nell’allenamento di ieri, al polpaccio destro. Fermo anche Pasquale, mentre Piris partirà dalla panchina.

Torino-Milan, sabato ore 20:45

Torino: 14° posizione in classifica con 18 punti, 12 goal fatti, 18 subiti. Partiamo da una certezza, non ci sarà Amauri, fermo una settimana per via di un elongazione al retto femorale. El Kaddouri è pronto a riprendersi Torino e Ventura sembra volergli dare spazio con Quagliarella prima punta. In difesa Moretti torna titolare e Gaston Silva dalla panchina, dopo l’esordio in A, avvenuto contro il Chievo.

Milan: 7° posizione in classifica con 25 punti, 26 goal fatti, 20 subiti. La sconfitta in casa con il Sassuolo è storica, prima debacle tra le mure amiche contro i modenesi. Inzaghi vorrebbe dare spazio dal primo minuto ad Alessio Cerci, ma l’ex della gara, ha solo 30 minuti nelle gambe. Si va verso il trittico El Shaarawy-Menez-Bonaventura in attacco. In difesa una maglia per due tra Armero e De Sciglio, con il colombiano in vantaggio.

Inter-Genoa, domenica ore 12:30

Inter: 11° posizione in classifica con 22 punti, 26 goal fatti, 24 subiti. La regina, fino a questo momento, del mercato è pronta a lanciare Podolski dal primo minuto. Icardi confermatissimo, dopo il 5 goal in quattro partite contro la Juventus, oltre al tedesco verrà supportato da Palacio e Guarin, ma con il numero 13 insidiato dallo svizzero Shaquiri pronto anche dal 1′. Ranocchia e Juan Jesus squalificati.podolski.inter.ok.2014.2015.538x358

Genoa: 5° posizione in classifica con 27 punti, 23 goal fatti, 17 subiti. In amichevole contro la Novese, 2-0, hanno deciso i due argentini Tino Costa, subito in goal su punizione, e Perotti. Il primo quando si sarà ambientato ed il secondo terminata la squalifica, saranno pronti a guidare il grifone verso nuovi lidi. In attacco Kucka favorito su Lestienne. Occhio a Antonelli diffidato, rischia di saltare la gara con il Sassuolo.

Atalanta-Chievo Verona, domenica 15:00

Atalanta: 17° posizione in classifica con 16 punti, 13 goal fatti, 23 subiti. Dopo il rocambolesco pareggio con il Genoa, la formazione di Colantuono ha comunque ritrovato la via del goal. In più la Dea potrà disporre, dall’inizio, di Pinilla compagno di reparto di Denis, che piace alla Roma. Cigarini-Baselli ballottaggio per un posto in cabina di regia, mentre Masiello riprenderà gli allenamenti martedì prossimo dopo la squalifica per calcioscommesse.

Chievo Verona: 16° posizione in classifica con 17 punti, 12 goal fatti, 19 subiti. Gamberini è tornato a disposizione di Maran, non ha diretto l’allenamento di ieri perché combatte contro l’influenza, ma non ci sarà dal 1′ contro l’Atalanta. Paloschi-Meggiorini confermatissimi nel 4-4-2 clivense con sulle fasce a supportare l’attacco Birsa e Schelotto. Fermi per un turno, in quanto squalificati, Hetemaj e Botta.

Cagliari-Cesena, domenica ore 15

Cagliari: 18° posizione in classifica con 12 punti, 21 goal fatti, 34 subiti. Zola potrà contare su Brkic, in porta, e Husbauer, mezzala dello Sparta Praga. La formazione isolana dopo il cambio di allenatore è stata schiantata dal Palermo, ma in questa sfida salvezza deve ridurre il distacco, -4, con la il quartultimo posto. Squalificati Conti e Farias, mentre mancheranno ancora Coss, Ibarbo e Sau. Attacco in emergenza.

Cesena: 20° posizione in classifica con 9 punti, 14 goal fatti, 34 subiti. Scivolato all’ultimo posto il suo viatico salvezza passa da Cagliari. Di Carlo ha detto che il suo Cesena ha fatto 30′ alla pari con il Napoli, ma poi la classe dei partenopei è venuta fuori. In dubbio il vertice del 3-5-1-1 della formazione romagnola, Djuric, Rodriguez, Almeida, in rigoroso ordine di chance, per una maglia.

Fiorentina-Palermo, domenica ore 15

Fiorentina: 9° posizione in classifica con 24 punti, 21 goal fatti, 14 subiti. Un punto ottenuto sfidando Empoli e Parma, contro il Palermo Montella necessità dei tre punti. Intanto è fatta per il rinnovo di Aquilani ed è a un passo dal sì anche Babacar, la trattativa con il suo procuratore ha preso la strada giusta. Diamanti è sbarcato a Firenze. In difesa la vera emergenza per via delle assenze di Savic e Gonzalo Rodriguez.

Palermo: 8° posizione in classifica con 25 punti, 27 goal fatti, 26 subiti. Galvanizzato dal 5-0 casalingo contro il Cagliari, mister Iachini, conferma l’undici che vinto alla befana con ancora Feddal al posto di Andelkovic nella casella sinistra della difesa a 3. Davanti la coppia del momento Dybala-Vazquez, con quest’ultimo che ha chiamato Antonio Conte proponendosi per una maglia azzurra ed è in procinto di rinnovare con i rosanero.

Roma-Lazio, domenica ore 15

Roma: 2° posizione in classifica con 39 punti, 29 goal fatti, 11 subiti. Strootman, la “lavatrice” soprannome affibbiatogli da Garcia, è pronto a tornare e sarà in campo dall’inizio ed ha indicato la via alla sua squadra, “vincere il derby e scavalcare la Juventus”. Destro-Iturbe ballottaggio in avanti per affiancare Francesco Totti. Mattia Destro, sembra destinato a salutare, la dirigenza ha aperto per un prestito al Milan.

Lazio: 3° posizione con 30 punti, 31 goal fatti, 19 subiti. Stracittadina da vertigini. La squadra di Pioli è terza e viene da 10 punti nelle ultime quattro giornate ed è una delle compagini più in forma del campionato. Klose è in pole, alla Roma ha già segnato 3 goal, a supportarlo Candreva, in vantaggio su Onazi, Mauri e F.Anderson, dopo la doppietta alla Sampdoria.

Sampdoria-Empoli, domenica ore 15 

Sampdoria: 6° posizione con 27 punti, 22 goal fatti, 17 subiti. Mihajlovic ha la testa al rivolata al mercato e il d.s. blucerchiato, Carlo Osti, deve accontentarlo perché il serbo vuole un’attaccante esterno: Muriel o Eto’o. Il colombiano è il pezzo gradito, Sinisa ha paura che il camerunese a 34 anni non possa ricoprire quel ruolo. In campo invece si va verso i ballottaggi Gastaldello-Silvestre e Okaka-Bergessio.

maccaroneEmpoli: 13° posizione in classifica con 18 punti, 17 goal fatti, 22 subiti. Il condottiero della sorpresa di questa stagione sarà della partita, solo un’ammonizione per lui contro l’Hellas, mentre in difesa out per squalifica Tonelli, al suo posto Barba. Mentre Maccarone, ex della gara, è pronto a dare un dispiacere ai suoi vecchi tifosi con cui non ha mai trovato il giusto feeling.

Hellas Verona-Parma, domenica ore 15

Hellas Verona: 15° posizione in classifica con 18 punti, 18 goal fatti, 27 subiti. Tante le defezioni per Mandorlini che sta trovando qualche difficoltà, dopo la meravigliosa cavalcata della passata stagione. Intanto è sbarcato a Verona, il 28enne, Leandro Greco che torna a Verona dopo una parentesi in gialloblu, tra il 2006 e il 2008. Un tassello importante per la corsa alla salvezza, ma l’ex Roma non si accontenta e vuole anche la maglia della nazionale. Benussi-Rafael, Greco-Nico Lopez i ballottaggi.

Parma: 19° posizione in classifica con 9 punti, 17 goal fatti, 36 subiti. Gobbi non ci sarà, il ginocchio sinistro che riportato una contusione contro la Fiorentina, lo tiene in dubbio per la sfida con l’Hellas. Gilardino obbiettivo di mercato, ma prima la nuova dirigenza deve saldare gli stipendi arretrati. La vittoria con la viola ha rilanciato la formazione di Donadoni, che guidata da Cassano, spera di bissare in Veneto.

Napoli-Juventus, domenica ore 20:45

Napoli: 4° posizione in classifica con 30 punti, 32 goal fatti, 21 subiti. Effetto Doha continua. Il Napoli si è sbarazzato del Cesena e punta forte sul terzo posto. La Juventus torna nome d’attualità in casa partenopea, per il big match della 18esima giornata. “Ho scelto Napoli perché è una grande società anche se c’erano altre squadre italiane che mi volevano. Deciderà Benitez quando mandarmi in campo visto che sono fermo da un mese e mezzo circa”, queste le parole della nuova punta Manolo Gabbiadini. Mentre Insigne scalpita e lancia Higuain contro il fenomeno Pogba.

Juventus: 1° posizione in classifica con 40 punti, 35 goal fatti, 8 subiti. I bianconeri saranno senza tifosi in quel di Napoli, mentre il capitolo Snijder vede un nuovo stop. Il vicepresidente del Galatasaray ha detto che l’olandese “rimarrà con noi”. Allegri ha l’imbarazzo della scelta e Vidal sarà il trequartista che supporterà Llorente e Tevez. Pogba e Marchisio scorteranno Pirlo, mentre in difesa si segue ancora Rolando in forza al Porto.

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta