Roma, 20 gen – Dani Alves è stato arrestato a Barcellona. L’accusa è di molestie sessuali nei confronti di una ragazza. Il gravissimo fatto sarebbe avvenuto nella notte del 30 dicembre scorso in una discoteca del capoluogo catalano. Stando a quanto riportato dal Mundo Deportivo, l’ex calciatore della Juventus si sarebbe consegnato stamani ai Mossos d’Esquadra, il corpo di polizia regionale della Catalogna. Il giocatore brasiliano sarebbe poi uscito dal commissariato a bordo di un’auto della polizia intorno alle 10 di questa mattina, per essere trasferito alla Ciutat de la Justicia di Barcellona, dove il giudice deciderà se trattenerlo in carcere o meno.

Dani Alves arrestato a Barcellona, di cosa è accusato

Stando a quanto riferito dal quotidiano spagnolo La Vanguardia, la ragazza avrebbe denunciato Dani Alves per essere stata toccata sotto le mutande senza il suo consenso, durante la serata del 30 dicembre in un locale di Barcellona. La stessa donna avrebbe subito avvertito il personale della sicurezza del locale, per poi trasmettere la denuncia alle autorità competenti. La polizia di Barcellona ha convocato stamani Dani Alves in commissariato. L’entourage del calciatore ha tuttavia smentito la ricostruzione della ragazza, affermando che il calciatore – adesso in forza ai messicani del Pumas – è stato per poco tempo in quella discoteca e che non è successo assolutamente nulla.

La Redazione

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta