curva-vuotaRoma, 8 nov – A poche ore dal derby della Capitale, le polemiche legate alla protesta delle curve, in aperta contestazione con le decisioni del Prefetto Gabrielli, non sembrano fermarsi. Anzi, il “braccio di ferro” fra tifosi e prefettura si è arricchito di un altro tassello che non fa altro che confermare, ed esasperare, l’atteggiamento fortemente repressivo da parte delle forze dell’ordine. È notizia di questa mattina, infatti, che all’alba sono scattate delle perquisizioni presso le abitazioni di diversi tifosi romanisti. Accertamenti che, tuttavia, hanno dato esito negativo.

C’è da chiedersi se è questa la forma di dialogo che intende portare avanti il prefetto.

“Quello che oggi pomeriggio andrà in scena, sarà il derby più triste della storia”. È questo il pensiero che circola da diversi giorni in città. E ai semplici tifosi, hanno fatto seguito gli appelli di diversi personaggi che il derby lo hanno vissuto in prima persona. Da Sebino Nela a Rizzitelli, da Zeman a Roberto Pruzzo, tutti si sono detti sconcertati per lo spettacolo indegno che vivrà la partita più sentita dell’anno.

Eppure neanche questi messaggi hanno attenuato il pugno di ferro della repressione nei confronti delle tifoserie romane, che ormai sta proseguendo da inizio campionato.

Dal canto loro i tifosi sono stati chiari: “Nessun compromesso”. Non entrerà nessuno. I romanisti stanno dando vita ad un raduno simbolico davanti all’hotel che ospita la squadra. I laziali neanche quello. La volontà è quella di sensibilizzare tutti, tifosi di lungo corso o avventori occasionali dello stadio, che per la prima volta saranno costretti a vedere il tabellone luminoso che scandisce le formazioni, piuttosto che le meravigliose scenografie delle curve che hanno fatto la storia di questa partita.

Nonostante questo scenario desolante, lo schieramento delle forze di polizia sarà comunque ingente. Oltre mille gli uomini impiegati e numerose strade chiuse al transito.

Chissà che effetto farà alla sensibilità del prefetto che aveva avuto modo di definire immorale questo abnorme spreco di uomini e risorse per una partita di calcio. Forse nessuno.

Le curve saranno vuote. E la repressione avrà vinto.

Alberto Maglio

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here