Il Primato Nazionale mensile in edicola

gp bahrainManama, 19 apr – E’ uno straordinario momento di forma per le Mercedes, che bissano il successo della Cina con Lewis Hamilton che vince ancora in solitaria sul circuito del golfo.

La partenza non riserva sorprese per la scuderia anglo-tedesca, se non per l’ottimo spunto di Raikkonen che recupera una posizione e spezza la schacchiera rosso-argento. Rosberg lo recupera poi al quarto giro, sopravanzando anche Vettel. Il tedesco non mostra un buon ritmo, nonostante l’ottimo bilanciamento la Ferrari infatti sconta problemi di velocità di punta nei rettilinei. Vettel è il primo a rientrare e, nella girandola dei pit-stop, si riprende la posizione su Rosberg. Bastano due giri per ripristinare il trio Hamilton-Rosberg-Vettel, con il gruppo ricompattato. Raikkonen aspetta ancora qualche giro per il proprio cambio gomme, Vettel ha nel frattempo recuperato la sua posizione ma continua a mostrare difficoltà, con il finlandese che gli recupera quasi mezzo secondo a giro.

L’ex Red Bull prova ad anticipare anche il secondo pit-stop, la velocità dei meccanici Ferrari aiuta a costruire un altro sorpasso quando Rosberg rientra a sua volta. Durerà meno di un giro: Vettel sotto pressione compie un errore di traiettoria e lascia spazio al pilota Mercedes. Segno che i tatticismi non bastano. Il primo pilota Ferrari deve, subito dopo e a causa dell’uscita, procedere inoltre alla sostituzione dell’ala anteriore, perdendo così altre posizioni.

Straordinaria e di costanza la gara invece di Raikkonen, che tenta l’allungo alla fine con una scelta spregiudicata che riserva la gomma morbida per l’ultima parte una gara. Strategia che paga: ad un giro dalla fine riesce a superare Rosberg, agguantando così -con la seconda posizione- il primo podio stagionale. Ultimi giri al cardiopalma anche per Vettel, che tenta fino all’ultimo di avvicinarsi e passare il pilota Williams Valtteri Bottas, ma senza successo. Chiuderà quinto.

Dramma McLaren, con Massa -partito dai box- che dopo 8 giri riesce già a sopravanzare e distaccare Alonso. Verso il termine, addirittura, lo spagnolo sarà doppiato. Per le frecce d’argento è la quarta gara di fila, nonostante i timidi segnali di crescita mostrati in questo gp.

Ordine d’arrivo

1. Lewis Hamilton Mercedes GP
2. Kimi Raikkonen Ferrari + 3.3 s.
3. Nico Rosberg Mercedes GP + 6 s.
4. Valtteri Bottas Williams + 43 s.
5. Sebastian Vettel Ferrari + 44 s.
6. Daniel Ricciardo Red Bull + 1 m. 1 s.
7. Romain Grosjean Lotus F1 Team + 1 m. 24 s.
8. Sergio Perez Force India + 1 giro
9. Daniil Kvyat Red Bull + 1 giro
10. Felipe Massa Williams + 1 giro
11. Fernando Alonso McLaren + 1 giro
12. Felipe Nasr Sauber + 1 giro
13. Nico Hulkenberg Force India + 1 giro
14. Marcu Ericsson Sauber + 1 giro
15. Pastor Maldonado Lotus F1 Team + 1 giro
16. Will Stevens Manor + 2 giri
17. Roberto Merhi Maron + 3 giri
18. Max Verstappen Toro Rosso
19. Carlos Sainz Jr. Toro Rosso
20. Jenson Button McLaren non partito

Classifica piloti

1. Lewis Hamilton Mercedes GP 93
2. Nico Rosberg Mercedes GP 66
3. Sebastian Vettel Ferrari 65
4. Kimi Raikkonen Ferrari 42
5. Felipe Massa Williams 31
6. Valtteri Bottas Willias 30
7. Daniel Ricciardo Red Bull 19
8. Felipe Nasr Sauber 14
9. Romain Grosjean Lotus F1 Team 12
10. Nico Hulkenberg Force India 6
11. Max Verstappen Toro Rosso 6
12. Carlos Sainz Jr. Toro Rosso 6
13. Marcus Ericsson Sauber 5
14. Sergio Perez Force India 5
15. Daniil Kvyat Red Bull 4
16. Jenson Button McLaren 0
17. Fernando Alonso McLaren 0
18. Roberto Merhi Manor 0
19. Will Stevens Manor 0
20. Pastor Maldonado Lotus F1 Team 0
21. Kevin Magnussen McLaren 0

1 commento

Commenta