Il Primato Nazionale mensile in edicola

gp monacoMonaco, 24 mag – Il gran premio di Monaco porta con sé una costante: la griglia di partenza determina l’ordine di arrivo finale. E così sarebbe stato anche oggi, se Hamilton non avesse fatto un errore di valutazione in una gara che fino ad allora stava più che dominando.



La partenza rispetta il copione: Vettel non ha un buono spunto, prova comunque a superare Rosberg che però chiude bene la traiettoria. La rossa si mantiene per tutta la prima parte di gara in pressione sul finlandese, al fine di non perdere contatto all’occasione del primo cambio gomme. Hamilton intanto fa la gara in solitaria, conservando senza problemi la prima posizione che tiene dall’inizio e sfruttando una serie di doppiati per lasciare Rosberg a oltre 8 secondi di margine.

La sosta ai box, prevista attorno al 30esimo giro, viene dai primi posticipata di una decina di tornate. E’ Vettel il primo ad entrare, seguito un giro dopo da Rosberg. Il mezzo secondo impiegato in meno dai meccanici Ferrari rispetto a quelli Mercedes non permette al tedesco di superare il figlio d’arte, operazione che riesce invece con Raikkonen che guadagna la posizione rispetto a Ricciardo. Sarà, secondo strategia, l’unica fermata di tutto il gran premio.

La gara prosegue senza scossoni fino al 64esimo giro quando Verstappen, impegnato in un sorpasso nei confronti di Grosjean, lo tampona e impatta perpendicolarmente contro un muro di protezioni. Nulla di grave per il figlio d’arte, ma la macchina ferma in mezzo alla pista costringe all’ingresso della safety car. Hamilton -a differenza degli inseguitori Rosberg e Vettel- ne approfitta per effettuare un cambio gomme volante, ma al rientro in pista si ritrova il suo compagno di squadra ed il ferrarista davanti. La saftey car lascia la pista al 71esimo giro, dando il via ad una gara nella gara di soli 8 giri. Hamilton e Vettel sono subito in lotta, Rosberg in prima posizione ne approfitta per lasciare dal margine dietro sé. Finirà così, la Ferrari ringrazia.

 Ordine d’arrivo

1. Nico Rosberg Mercedes GP
2. Sebastian Vettel Ferrari + 4 s.
3. Lewis Hamilton Mercedes GP + 6 s.
4. Daniil Kvyat Red Bull + 12 s.
5. Daniel Ricciardo Red Bull + 14 s.
6. Kimi Raikkonen Ferrari + 14 s.
7. Sergio Perez Force India + 15 s.
8. Jenson Button McLaren + 16 s
9. Felipe Nasr Sauber + 24 s.
10. Carlos Sainz Jr. Toro Rosso + 25 s.
11. Nico Hulkenberg Force India + 26 s.
12. Romain Grosjean Lotus F1 Team + 28 s.
13. Marcus Ericsson Sauber + 31 s.
14. Valtteri Bottas Williams + 46 s.
15. Felipe Massa Williams + 1 giro
16. Roberto Merhi Marussia Manor + 2 giri
17. Will Stevens Marussia Manor + 2 giri
18. Max Verstappen Toro Rosso
19. Fernando Alonso McLaren
20. Pastor Maldonado Lotus F1 Team

 

Classifica piloti

1. Lewis Hamilton Mercedes GP 126
2. Nico Rosberg Mercedes GP 116
3. Sebastian Vettel Ferrari 98
4. Kimi Raikkonen Ferrari 60
5. Valtteri Bottas Williams 42
6. Felipe Massa Willias 39
7. Daniel Ricciardo Red Bull 35
8. Daniil Kvyat Red Bull 17
9. Felipe Nasr Sauber 16
10. Romain Grosejan Lotus F1 Team 16
11. Sergio Perez Forze India 11
12. Carlo Sainz Jr. Toro Rosso 9
13. Nico Hulkenberg Force India 6
14. Max Verstappen Toro Rosso 6
15. Marcus Ericsson Sauber 5
16. Jenson Button McLaren 4
17. Fernando Alonso McLaren 0
18. Roberto Merhi Manor 0
19. Will Stevens Manor 0
20. Pastor Maldonado Lotus F1 Team 0
21. Kevin Magnussen McLaren 0


La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta