Doha, 26 nov – Questi Mondiali in Qatar sono davvero i più noiosi della storia del calcio. Forse perché alcune federazioni (europee) si sono concentrate poco sul pallone e troppo sulla politica. E, tra l’altro, tutte queste menate politicamente corrette portano pure sfiga. Di certo l’hanno portata ai tedeschi che, dopo la loro patetica protesta pro Lgbt, hanno preso due pere da un eroico Giappone. E se non portano sfiga, queste manifestazioni portano di sicuro tanti sbadigli. Come è successo ieri in occasione di InghilterraStati Uniti.

Il giocattolo si è rotto?

Prima del calcio d’inizio, gli inglesi hanno ripreso il malcostume degli Europei dell’anno scorso, ossia il gesto di inginocchiarsi in ossequio ai violenti di Black lives matter. Solo che, con grande sorpresa dei telespettatori talebanizzati, gli statunitensi non hanno fatto lo stesso. Esatto: persino i compatrioti di George Floyd si sono stufati di queste sceneggiate antirazziste. Che, peraltro, non sono affatto coraggiose, come ci ripetono gli strilloni del pensiero unico, visto che portano solo applausi e rischi zero. Che cosa c’è, infatti, di più conformista che parlare di «one love» e «calcio contro il razzismo»? Nulla, appunto.

Inghilterra-Stati Uniti da sbadigli

In realtà, alla vigilia di Inghilterra-Stati Uniti, il commissario tecnico della nazionale inglese, Gareth Southgate, era stato perentorio su queste manifestazioni a sfondo politico. Alla domanda «metterete la fascia OneLove oppure farete proteste come i tedeschi?», Southgate aveva risposto: «No, io e i giocatori dobbiamo concentrarci sulle partite». A quanto pare, però, la federazione inglese non era dello stesso avviso, e ha pertanto «suggerito» ai propri calciatori di replicare il gesto umiliante dell’inginocchiamento. Non che abbia loro giovato, beninteso. La partita con i colleghi americani, assai meno quotati, è infatti terminata con uno scialbo 0-0. Tanto scialbo quanto queste pagliacciate antirazziste che, francamente, hanno rotto gli zebedei.

Gabriele Costa

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Recite da pagliacci fatte dalla nazione che più di tutte ha dimostrato nella sua storia di essere particolarmente votata al razzismo: certo, dopo che hanno conquistato mezzo mondo adesso si devono rifare una verginità…!

  2. Quindi , gli idioti inglesi , inutile ripetizione ….. ancora frignano per la morte di un
    DELINQUENTE negro americano , mentre giocano in un paese dove c’ é una dittatura feroce , dove le donne valgono meno di un cammello , e STUPIDAMENTE non si possono bere vino , birra e vari alcolici ne mangiare la sanissima carne di maiale ??????

    La prox volta , perchè non vanno in Korea del Nord dal simpatico Kim ?

    Pecunia non olet .

Commenta