Roma, 26 dic – L’attacante del Liverpool ed ex Roma, Mohamed Salah, ha pubblicato sui propri social una foto in cui festaggia il Natale con la famiglia, scatenando le ire dei suoi follower di religione musulmana.

La foto di Natale di “Momo” Salah

La Premier League torna oggi in campo per il tradizionale Boxing Day. Il Liverpool di Jurgen Klopp e soprattutto di “Momo” Salah sarà impegnato contro l’Aston Villa nel pomeriggo, alle ore 18:30, dopo il rocambolesco e spettacolare match di Coppa di Lega persa per 3 a 2 contro il Manchester City di qualche giorno fa. Questa volta, però, il fuoriclasse egiziano è stato protagonista suo malgrado per qualcosa successo fuori dal rettangolo verde di goco. Il calciatore ha postato su Instagram e su Twitter una sua foto con la moglie Magi e le due figlie Makka e Kayan. I quattro sono ritratti sorriddenti con sullo sfondo l’albero di Natale addobbato a festa e pacchi regali. Un tipico quadretto familiare e natalizio che sarebbe del tutto passato inosservato, se non fosse che i più intransigenti tra i suoi fan musulamani abbiano visto nel gesto una sorta di “tradimento” da parte di Salah alla sua fede islamica.

La polemica social

Tra i commenti si possono leggere frasi come: “Sei una delusione, smetterò di seguirti”, oppure “Fratello… questo è l’Islam, non stiamo parlando del cristianesimo in cui puoi fare quello che vuoi, la nostra religione ha leggi e regole che devi seguire, per favore non mischiare le cose insieme”, o ancora “Questo è Haram (ovvero proibito)”. Salah è una vera e propria istituzione in Egitto, tanto da aver preso un milione di voti (pari a circa il 5%) alle presidenziali del 2018. Tutto questo nonostante non si fosse neppure candidato. Anni fa il calciatore era stato al centro di critiche per certi versi di segno opposto, quando la Comunità Ebraica aveva polemizzato contro il suo trasferimento alla Roma ritenendolo addirittura un antisemita per alcuni suoi atteggiamenti con una squadra israeliana. Tuttavia a tranquillizzare i suoi seguaci più oltranzisti ci dovrebbe pensare lo stesso Corano. Infatti, la figura di Gesù è compresa e riconosciuta anche all’interno della religione musulamana in quanto profeta. Ma in fondo, paese che vai, polemica social che trovi.

Michele Iozzino

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Qualc1 vuol gentilmente ricordare a quegli ASINI di muslim che albero di Natale e
    Babbo Natale NON sono simboli cristiani ??? e manco religiosi ???? magari ricordatelo anche ai cristiani e alle mestrine KattoKom ……

    Per altro il Natale è una festività ADOTTATA dal cristianesimo , festa che ha dai 15.000 ai25.000 anni …. non esiste data certa , ma la città più antica ha circa 35.000 anni ….. e forse vi si celebrava già la RINASITA del SOLE .

    Poi sono arrivati quei rompiballe di monoteisti , a partire da Akhenaton ….. nato SOLO nel 1375 a.C

    • Il monoteismo ha sorretto per secoli la comunità lasciata allo sbando dai pagani, un motivo ci sarà pure. La sacralità quando è veramente tale è indipendente dal numero di Dei, a modesto parer mio. Egregio Sergio, sei a un tiro di schioppo da Econ, ci sei mai passato?
      Il rispetto lì è reciproco.
      I muslim sono sotto lavaggio dello spirito che abbiamo subito anche noi, non ti pare?

Commenta