Il Primato Nazionale mensile in edicola

Le radiazioni solari danneggiano, sopratutto in estate, la nostra cute e i nostri capelli causando danni a volte irreparabili al bulbo pilifero.

Per questa ragione, durante la bella stagione e in autunno si tende a perdere più capelli. Per ridurre o evitare ciò, si dovrebbe seguire una dieta varia ed equilibrata, infatti la malnutrizione, che si verifica quando ci priviamo di nutrienti essenziali al nostro benessere, è il principale motivo dello sfoltimento dei capelli. Una nutrizione inadeguata può avere i più svariati motivi partendo dalle diete squilibrate, quali quelle prive di una qualche tipologia di alimento (carboidrati, proteine, oligolementi),per arrivare a cause non dipendenti dalla nostra volontà quali intolleranze, gastroenteriti, assunzione massiccia di farmaci.

Cibi che fanno bene ai capelli

Una dieta, che ci possa assicurare una chioma folta e non sfibrata od opaca, dovrebbe prevedere l’assunzione per 6 volte alla settimana di proteine ad alto valore biologico come il pesce, le uova e la carne poiché contengono amminoacidi essenziali (cioè non presenti nel nostro organismo se non assunti mediante la dieta) quali la cistina e la lisina. Questi amminoacidi, aiutano a mantenere i capelli forti e sani prevenendo le doppie punte e la caduta.

Per quanto concerne il riuscire a mantenere il colore naturale a lungo si deve evitare il fumo (che accelera la comparsa dei riflessi argentei nella nostra chioma) e seguire una dieta alimentare ricca di antiossidanti prevedendo quindi verdure a foglia verde, ortaggi e frutti gialli e arancioni come carote, albicocche, zucche, cachi, legumi, cicoria, spinaci (contenenti rame), cavoli e lievito di birra (contenete selenio).

In particolare la frutta gialla, arancione e rossa contengono Zeaxantina un carotenoide con la proprietà naturale di assorbire radiazioni solari eccedenti oltre a svolgere un importante attività antiossidanti. Bisogna inoltre ricordare che le vitamine A (fattore di crescita e antiossidante), E( attività antiossidante), e il gruppo B ( cofattori del metabolismo energetico e coinvolte nel mantenimento delle strutture epiteliali) o i sali minerali come il ferro, lo zinco, il rame, il selenio e lo zolfo sono utili per evitare capelli secchi e fragili e per mantenere la pelle liscia e sana. Per introdurre più vitamine del gruppo B e i sali minerali consiglierei di incrementare il consumo di semi di cereali integrali come l’amaranto, il miglio, la quinoa, il farro, l’orzo, il kamut e il bulgur.

Per introdurre vit. A si suggerisce di aumentare il consumo di carote, latticini, verdure a foglia verde e tuorlo d’uovo ( se non si hanno problemi di colesterolo) contenenti i betacaroteni precursori della vit. A. Il betacorotene oltre a una spiccata attività antiossidante stimola direttamente il sistema immunitario. Tra i fattori che ne limitano l’assorbimento vi sono: l’alcool, le diete squilibrate, le sindromi febbrili, patologie epatiche e gastroenteriche e il tabagismo.

Per aumentare il consumo di Vit. E è consigliabile di aumentare l’uso di olio di germe di grano, di semi e olio di girasole, nocciole, mandorle,cereali integrali, fegato di merluzzo, carote.

Infine può essere molto utile utilizzare olio di di semi di borragine che essendo ricco di acidi grassi polinsaturi ( acido linoleico e gammalinoleico) aiuta a prevenire l’invecchiamento cellulare aiutando la rigenerazione della pelle e dei tessuti cellulari inoltre previene molte patologie infiammatorie legate all’invecchiamento.

Puoi trovare vari approfondimenti sull’argomento sul sito 20centesimi.it.

Esempio di giornata alimentare

Colazione:Yogurt e cereali integrali ( fiocchi d’avena, crusca e fiocchi di kamut);

Pranzo: Cereali in semi al vapore.Broccoli passati in padella con olio extravergine di oliva e aglio. Pane integrale ai cereali. Cinque noci e tre mandorle;

Spuntino: 1 tazza di more e lamponi;

Cena: Pesce magro lessato o al forno.Patate con selenio lesse con prezzemolo. Pane integrale ai cereali.1 piattino di carote crude.1 tazza di mirtilli neri.

Commenta