Il Primato Nazionale mensile in edicola

Procedura chirurgica poco invasiva e relativamente semplice, la liposuzione (o lipoaspirazione) promette di modellare il corpo rimuovendo le adiposità localizzate e regalando alla silhouette un aspetto più armonico. Fra i trattamenti estetici più richiesti dalle donne per ridurre i depositi di grasso indesiderati su cosce, glutei, ginocchia e arti superiori, è una soluzione sempre più agognata anche dagli uomini interessati a scolpire l’addome lì dove estenuanti sessioni di allenamento e diete punitive non sono in grado di produrre risultati apprezzabili.

Un’operazione che, ridimensionate certe aspettative irragionevoli, ha un’altissima percentuale di successo, prevede rischi minimi e garantisce risultati definitivi se accompagnati da uno stile di vita sano ed equilibrato. Fondamentale dunque rivolgersi a un professionista affermato che possa vantare una rilevante esperienza di interventi di liposuzione, capace di mettere a proprio agio il paziente informandolo sui costi, sulla modalità di esecuzione e sui risultati ottenibili e smentendo eventuali false credenze in tema di rischi connessi all’operazione.

Come avviene l’intervento di liposuzione

Prima di procedere con la liposuzione, il paziente è sottoposto a un esame fisico per valutare lo stato di salute, l’elasticità della pelle e la posizione dei cuscinetti adiposi. L’operazione è effettuata in sala operatoria e può essere eseguita in anestesia generale, oppure locale con sedazione. L’intervento consiste nella rimozione del tessuto adiposo in eccesso, mediante l’azione di una cannula collegata a un apparecchio aspirante e introdotta nel grasso sottocutaneo attraverso piccole incisioni di circa 2-3 mm in prossimità dell’area da correggere.

Dopo l’intervento, che potrà durare da 1 alle 4 ore secondo l’ampiezza dell’area da trattare e dalla quantità di grasso da rimuovere, il paziente dovrà indossare una guaina contenitiva di compressione per circa 3 settimane, mentre fastidi ed eventuali dolori saranno ben controllati dalla terapia farmacologica e le normali attività potranno riprendere già dopo 3 giorni, seppur con qualche accortezza. Al termine del periodo di recupero (2-3 settimane) il gonfiore sarà ridotto e le ecchimosi quasi scomparse, mentre il nuovo profilo corporeo potrà essere visibile in tutta la sua nuova armonia a distanza di 3 mesi dall’operazione.

Cosa aspettarsi da un intervento di liposuzione

Ogni paziente che intenda candidarsi a un intervento di liposuzione, oltre che godere di buona salute, avere dei tessuti elastici ed essere psicologicamente stabile, dovrebbe avere delle prospettive realistiche in merito ai suoi effetti. Come precisato dalla SICPRE (Società Italiana di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica) “la lipoaspirazione, nella maggior parte dei casi, non è da considerare un trattamento contro il sovrappeso o l’obesità, ma esclusivamente contro i cuscinetti che persistono nonostante dieta e sport”. Lungi dal servire a eliminare l’effetto buccia d’arancia legato alla cellulite, non impedisce la formazione del grasso per sempre: fattori come la gravidanza, la mancanza di esercizio fisico o una dieta poco appropriata potrebbero col tempo compromettere il risultato dell’intervento. Un risultato di cui si dichiara soddisfatto più del 90% dei pazienti trattati e che, se ben eseguito, permette di ridefinire gambe, glutei e addome con esiti sorprendenti.

Liposuzione Costi

Il costo di una liposuzione è molto variabile perché molto dipende da quanto vasta è l’area che deve essere operata, (se per esempio è una sola parte del corpo o più zone contemporaneamente), dalla quantità di materiale adiposo da rimuovere, dalla tecnica utilizzata e chiaramente dal livello di esperienza e professionalità del chirurgo che deve essere uno specialista del rimodellamento del corpo.

Fondamentale è accertarsi che l’operazione di liposuzione o liposcultura venga eseguita in ambiente sicuro e protetto, una clinica sanitaria dove il chirurgo può operare avvalendosi di un tecnico anestetista e di personale infermieristico altamente specializzato. Per tutti questi motivi il range di prezzo può oscillare da un minimo di 2.500 euro a 8.000 euro.

Il consiglio è di diffidare sempre della chirurgia a basso costo e di non cedere alla tentazione del risparmio che quasi sempre corrisponde a una scarsa qualità dei materiali e a una non adeguatezza delle strutture sanitarie.

L’ultima frontiera: la liposcultura in 3D e 4D

Recente evoluzione della liposuzione, la liposcultura si avvale della moderna tecnologia ad ultrasuoni per “scolpire” le zone sottoposte a trattamento in maniera più precisa e mirata rispetto alle tecniche in precedenza utilizzate, evitando eventuali irregolarità e rimuovendo le cellule adipose con una maggiore definizione dei muscoli. Superando la prospettiva bidimensionale propria della liposuzione, questa nuova tecnica a 3 e 4 dimensioni permette di avere un’idea più chiara delle zone su cui conviene intervenire e, grazie all’impiego di “micro cannule” è in grado di dare nuova forma anche aree molto selezionate del corpo.

La liposcultura, così come la liposuzione, può essere eseguita anche con l’ausilio del lipofilling, che dà modo di prelevare piccole quantità di grasso da alcune parti del corpo dove è abbondantemente presente e di iniettarli nelle aree leggermente “svuotate” come fosse un comune filler, riducendo notevolmente il rischio di intolleranza della sostanza e assicurando un rimodellamento stabile e duraturo. Una tecnica che, come chiarisce la Società Italiana di Dermatologia Estetica e Correttiva (SIDEC), non permette di effettuare delle correzioni su aree di grandi dimensioni senza che parte dell’innesto vada incontro a riassorbimento, ma che è invece quanto mai indicata per i piccoli ritocchi.

Commenta