abateRoma, 12 nov – È sopravvissuta ai bombardamenti americani, ma forse l’abbazia di Montecassino non si riprenderà dalla gestione folle di Pietro Vittorelli, abate dello storico convento dall’ottobre del 2007 al giugno 2013.

Ora la Guardia di Finanza gli ha sequestrato beni per un valore di oltre 500 mila euro. L’alto prelato è indagato perché durante il suo mandato, abusando del suo ruolo e avendo illimitato accesso ai conti dell’abbazia, si sarebbe appropriato indebitamente di tale somma sottraendola all’8 per mille, quindi in sostanza alla beneficenza.

Vittorelli prendeva il denaro e poi lo affidava al fratello che lo occultava all’interno della cassetta di sicurezza 236 aperta presso la filiale di Roma della Deutsche Bank. Inquietanti i dettagli della vicenda, che parlano di un vescovo che se la spassa in Brasile, fra cene di lusso ed ecstasy, per la quale il prelato era stato segnalato al prefetto nel 2010, come spiega oggi Il Corriere della Sera.

Dalle carte dei magistrati emergono tutti i dettagli di questa bella vita, con soggiorni in hotel da favola a Londra, Milano, Rio de Janeiro, cene nella capitale inglese da 700 euro, nottate trascorse con ostriche e champagne.

Pietro Vittorelli, 53 anni, romano, dopo la laurea in medicina era entrato nel 1989 come postulante nell’abbazia di Montecassino, di cui divenne Abate nell’ottobre 2007. Nel 2012, colpito da una grave crisi cardiaca con conseguenti danni neurologici, fu costretto ad allontanarsi dalla sua comunità per sottoporsi ad una lunga terapia riabilitativa in una clinica specializzata. Rientrato a Montecassino, rinunciò al governo dell’abbazia territoriale nel giugno del 2013, motivando le dimissioni con il suo stato di salute.

Giuliano Lebelli

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Montecassino oltre il danno ( storico bombardamento angloamericano) la beffa di questi pseudo cattolici in carica
    Un abbraccio forte al popolo di quella zona dove gli uomini della chiesa hanno tradito gli uomini di chiesa che esistono vi assicuro che erano ancora presenti in quegli anni storici

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here