Foggia, 9 lug – L’Arci di Foggia annuncia che porterà gli “ospiti rifugiati” al mare “vivendo le emozioni di una mattinata balneare come tanti italiani sono abituati a fare”.

Arci: “Spiaggia dopo il Mediterraneo col gommone”

L’associazione ha spiegato che: “Molti dei nostri ospiti accolti nei progetti destinati a rifugiati, non sono mai stati al mare o in spiaggia”. Sostiene altresì l’Arci come “sia importante che l’integrazione culturale e sociale passi anche attraverso queste attività di svago che per noi possono apparire banali ma per una famiglia che fugge dalla guerra, che ha attraversato il deserto, che è sbarcata in Italia dopo aver attraversato il Mediterraneo sui gommoni, è occasione di gioia e di serenità”. Verrebbe da rispondergli che questi immigrati il mare, in effetti, lo hanno visto e anche troppo.

Ma non è un’idea “originale”


Ma l’Arci di Foggia non è la prima a portare avanti queste iniziative: nel 2017, ad Ostia, quelli del centro sociale Baobab portarono un’ottantina di immigrati in spiaggia per “reagire” alle ronde contro gli abusivi in spiaggia portate avanti da CasaPound. Già all’epoca l’idea non si rivelò essere delle migliori, fu anzi molto criticata sui social perché sfruttava questi immigrati per un ritorno di visibilità. Un tempo i “rossi”, dediti alle famiglie operaie, portavano i bambini italiani in gita o gli facevano il doposcuola, che era per quelli che non se lo potevano permettere: adesso la sinistra è così presa e impegnata nel business dell’accoglienza da non avere nessuna attenzione per i bambini italiani. Salvo, ovviamente, un altro business: quello degli affidi illeciti.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

8 Commenti

  1. Mi sembra giusto, se noi italiani sbarcassimo in costa d’Avorio o in Senegal ci porterebbero sicuramente nell’entroterra a visitare la giungla o un altopiano desertico, magari a vedere dei gorilla o dei rinoceronti, giusto per farci svagare dopo un lungo e faticoso viaggio in mare.
    Io penso che il politicamente corretto di cui la sinistra italiana è pregna fino al midollo sia una malattia gravissima che sta generando mostri quando non scade pure nel ridicolo.
    Sono dei pazzi psicopatici che hanno capovolto il mondo e pretendono che tutti lo guardino capovolto pena essere accusati di essere nel migliore dei casi retrogradi, nel peggiore criminali xenofobi da eliminare dal consesso dei “civili” o da imprigionare.
    Ma la ruota gira, stiano certi che gira!

    • In un paese sempre più effeminizzato e snervato, questa è la “logica della maestrina” (quella che intercala “vergogna!” e “studia!”) “: che per giunta non ha mai pensato con la propria testa, ma ripete cose altrui (per noia e fretta d’andare a chattare su feccia-buco…).

  2. Fosse una battuta NON
    farebbe ridere ….
    Viene voglia di piangere
    Ma che cazzo di idioti
    sono il 30% degli italiani ?????

  3. Con la stessa enfasi , nelle stesse zone , bisognerebbe all’ opposto , portare bambini italiani che non possono permetterselo , al mare …. poi mettiamo a confronto , chi riscuote più gradimento , penso che l’ arci del luogo , si sottererebbe , e’ un idea.

  4. Corretto sig riccardo , le antiche colonie estive non erano un eden , ma hanno fatto vivere il mare a diversi miei coetanei , oltre ad offrire lavoro ad altri ,come educatori/educatrici .
    Fa tristezza uno splendido edificio a Milano Marittima , abbandonato da decenni in una splendida pineta …..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here