Il Primato Nazionale mensile in edicola

Vienna, 23 mag – Mentre il ministro Speranza frena sulla mobilità regionale, caldeggiando un’Italia a più velocità in cui ci si potrà muovere solo tra Regioni a pari indice di contagio, i turisti dalla Germania e dalla Svizzera potranno comodamente utilizzare l’Austria come corridoio per raggiungere l’Italia. Lo rende noto il sito del ministero degli Interni di Vienna, informando che già da ora sarà possibile attraversare l’Austria senza compiere soste. Lo ribadisce anche il responsabile per i rapporti con l’Alto Adige del partito popolare Oevp, Hermann Gahr: «Che l’Austria impedisca il passaggio ai turisti tedeschi che vogliono raggiungere l’Alto Adige è una favola che evidentemente è stata raccontata con uno scopo preciso», ha dichiarato l’esponente del partito del cancelliere Kurz.

In Germania i viaggi all’estero restano comunque sconsigliati fino al 14 giugno. Il ‘corridoio’ è in realtà in vigore dall’inizio dell’epidemia coronavirus, quando i tedeschi hanno frettolosamente fatto rientro in Germania prima della serrata totale. Al Brennero le autorità austriache fecero controlli a campione per verificare che il serbatoio della macchina fosse sufficientemente pieno per percorrere i 120 chilometri che separano il valico italo-austriaco dal confine tedesco a Kufstein. Gahr ha puntualizzato invece che l’Italia non permette ancora agli altoatesini di visitare i parenti nel Tirolo austriaco (senza quarantena al rientro), mentre è invece già possibile farlo in senso inverso, dal Tirolo verso l’Alto Adige.

«Non spetta all’Austria decidere se i turisti tedeschi faranno vacanze in Italia. Si tratta di una questione che riguarda esclusivamente l’Italia, per quanto riguarda gli ingressi, e i laender tedeschi. Per quanto riguarda invece un’eventuale quarantena al rientro», dichiara il governatore altoatesino Arno Kompatscher, «la Germania ha ribadito, a vari livelli politici, che terminerà l’obbligo di quarantena per chi torna dai Paesi dell’Unione europea. Non vedo perciò problemi per i cittadini tedeschi a venire in Alto Adige, ovvero in Italia, e dopo la villeggiatura a tornare a casa senza quarantena», ha concluso il presidente della Provincia di Bolzano.

Aldo Milesi

1 commento

Commenta