Il Primato Nazionale mensile in edicola

Catania, 30 apr- A Catania si tinge di rosso la protesta dei Fantasmi del passato, rosso sangue. “Vogliamo ritornare alla vita, e il lavoro è parte di essa. Perché di questo si parla. Si parla del nostro sangue, dei nostri sogni di cittadini liberi.”



Catania, protesta “rossa” dei Fantasmi del passato

Spiegano gli organizzatori giunti al IV atto della protesta “spettrale” di Catania, con la piena rappresentazione della realtà nuda e cruda a cui ci si vuole opporre con tutte le forze. Come si ricorderà il movimento di partite Iva, ristoratori, imprenditori, lavoratori dello spettacolo e del turismo da un mese scendono in strada in tuta e maschera bianca per manifestare tutto il proprio dissenso contro chiusure, coprifuoco, regioni a colori e divieti vari.

Alla vigilia del 1 Maggio

Lungo tutto lo Stivale ultimamente le manifestazioni di protesta si sono moltiplicate strutturandosi e trovando sempre più persone disposte a scendere in piazza. Per ricordarne qualcuna #apriresenzacondizioni lanciata da CasaPound al fianco di quelle categorie maggiormente vessate da 14 mesi di chiusure, e pochi giorni fa appoggiando quei cittadini che in barba al coprifuoco hanno urlato la loro voglia di libertà dopo la fatidica ora delle 22 (#2201liberta). Oggi pomeriggio invece i “fantasmi del passato” sono apparsi in viale Libertà dove ha sede il palazzo dell’Inps, proprio alla vigilia dell’1 maggio, la festa dei lavoratori.

“Nessuna festa senza lavoro. Il primo maggio dovrebbe essere una giornata di festa per tutte le categorie produttive del nostro Paese”, scrivono nella nota. Si, ma quali lavoratori? “Adesso è diventato un giorno lugubre. Ci stanno conducendo verso un assistenzialismo che non vogliamo! Cassa integrazione inesistente, ristori, sostegni. Tutte promesse. E nel frattempo affitti, bollette, tasse da pagare. Questo primo Maggio non c’è davvero nulla da festeggiare.”

Lavoratori ora “fantasmi”

Ecco perché la sede dell’Inps ecco perché un altro di quei luoghi deputati a tutelare i lavoratori, quei lavoratori completamente dimenticati dal Governo e divenuti fantasmi, ma il loro “silenzio continuerà a fare rumore”, senza tregua e sino a quando non si tornerà alla libertà.

Emanuela Volcan

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Meno male che una parte di Italiani è sveglia.Ha ben compreso la manovra delle elites globaliste occulte ed anticristiane per ridurci a pecore obbedienti,incarcerate e con museruola tramite il loro terrorismo sanitario strombazzato ad ogni ora sui loro media

  2. […] Come si ricorderà il movimento di partite Iva, ristoratori, imprenditori, lavoratori dello spettacolo e del turismo da un mese scendono in strada in tuta e maschera bianca per manifestare tutto il proprio dissenso contro chiusure, coprifuoco…Come si ricorderà il movimento di partite Iva, ristoratori, imprenditori, lavoratori dello spettacolo e del turismo da un mese scendono in strada in tuta e maschera bianca per manifestare tutto il proprio dissenso contro chiusure, coprifuoco…Read More […]

Commenta