Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 apr – Bollettino quotidiano della Protezione Civile sull’emergenza coronavirus in Italia. In calo per il terzo giorno consecutivo i malati, nonostante oggi la diminuzione sia soltanto di 10 unità. Oggi si registrano 473 morti, meno dunque di ieri quando ne erano stati confermati 534. In totale in Italia sono morte ad oggi 25.085 persone. I guariti registrati nelle ultime 24 ore sono 2.943, è il numero in assoluto più alto dall’inizio dell’emergenza. Ieri erano stati dichiarati guariti 2.723 malati.



Si liberano ancora posti in terapia intensiva, ed è ovviamente un’altra notizia positiva: oggi 87 persone in meno, per un totale di 2.384 pazienti ancora nei reparti di terapia intensiva. In ospedale sono ancora ricoverate 23.805, 329 meno di ieri. Mentre in isolamento domiciliare si trovano 81.510 persone, ovvero 406 in più rispetto a ieri.

Black Brain

Crescono poi i nuovi contagiati, oggi infatti ne sono stati registrati 3.370, ieri 2.729. Un dato che però va considerato al solito rispetto al numero dei tamponi effettuati, che oggi sono di più rispetto ai giorni scorsi. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti per l’esattezza 63.101 tamponi, a fronte dei 52.126 di ieri. Un rapporto dunque stabile: individuato 1 malato ogni 18,7 tamponi fatti, media del 5,3%. Complessivamente, da inizio epidemia, in Italia hanno contratto il coronavirus 187.327 persone.

Lombardia, diminuiscono i decessi

Nella regione italiana maggiormente colpita dal coronavirus, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.161 nuovi casi di persone positive. I morti sono 161. Aumentano dunque i positivi (ieri erano stati 960), ma calano i decessi (ieri 203). In calo anche i pazienti ricoverati in terapia intensiva: ad oggi sono 817, diminuiti di 34 nelle ultime 24 ore. Negli altri reparti ospedalieri sono invece ricoverate altre 9.692 persone, ovvero 113 meno di ieri quando erano scesi di 333. Dall’inizio dell’emergenza in Lombardia le persone contagiate sono 69.092 e le vittime 12.740. Poco confortante il dato relativo a Milano: oggi 480 contagiati in più, mentre l’incremento di ieri era stato di 408.

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Secondo Blangiardo (Istat) nel solo mese di marzo 2019 i morti per malattie respiratorie sono stati oltre 15.000.

  2. ma sono il solo a notare la incongruenza tra morti e diminuzione dei posti in terapia intensiva,che non solo assolutamente proporzionati tra loro ?

    posso capire sul lungo periodo,ma da un giorno a quello successivo è davvero difficile pensare che quasi 500 morti “liberino” solo 87 posti in terapia intensiva,a meno di non pensare che la maggior parte dei decessi avvenga tra le mura di casa;

    da un punto di vista logico verrebbe da credere che i pazienti più gravi,quiindi a rischio decesso,siano proprio quelli intubati,non quelli semplicemente ricoverati.

    a mio avviso,non ce la stanno per niente raccontando giusta.

    • Chissà quanti dei morti ufficiali per cv sono morti realmente di coronavirus ma poichè molti sono stati subito cremati sarà impossibile saperlo.Puo’ essere che non si sia controllato per giustificare la demolizione dell’ economia e i domiciliari di massa.Questa “pandemia”, non è stata diversa da altre del passato ma è servita alle elites occulte per depredare i nostri risparmi e le aziende nella speranza di vaccinarci tutti con un vaccino inutile che pero’ ha il microchip.I signori del denaro creato a costo zero ed in forma privata con cui depredano le nazioni ci vogliono marchiare come i cani e poi levarci il contante; vogliono avere il diritto di tenersi tutti i soldi nei loro forzieri privati

    • Ho trovato questo su libreidee.org dal titolo;Errori e abusi, 735 medici contro Conte: così l’Italia muore

      “…….Stime della Oxford University parlano di 11 milioni di potenziali positivi già ora. Se questo dato fosse vero la letalità di Sars-Cov2 sarebbe veramente irrisoria: lo 0,05%, anche prendendo per veri i dati di mortalità. Ma anche su questi permane il terribile dubbio sui decessi PER e CON Coronavirus. Diverse testimonianze mettono in forte dubbio il dato, visto che ogni giorno in Italia ci lasciano circa 1900 persone (dati Istat) e non si fa fatica ad estrarne 400, tra questi, che siano anche positivi al virus…..”

Commenta