Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 lug – Il governo delle task force e dei bonus una tantum, adesso vorrebbe concedere un “sussidio di sostentamento” agli immigrati contagiati dal coronavirus. E di chi sarà stata l’ideona? Del medico ex attore Gualtiero Ricciardi (per gli amici Walter) braccio destro del ministero della Salute, Roberto Speranza. Già, proprio colui che auspicava per gli italiani una situazione “tipo Grecia”. “Le persone che sbarcano sulle nostre coste vanno messe in quarantena. Non troverei scandaloso prevedere per loro un sussidio di sostentamento” poiché “parliamo di persone che se non lavorano non mangiano”. E’ quanto dichiarato da Ricciardi in un’intervista alla Stampa. Parole che suonano come un brutto scherzo e che invece sono uno schiaffo inaccettabile a milioni di italiani senza lavoro.

I dati ignorati da Ricciardi

Basterebbe che il consigliere del ministero della Salute, per il coordinamento con le istituzioni sanitarie internazionali, desse un’occhiata ai drammatici dati sulla disoccupazione in Italia. I giovani che non lavorano superano il 23% e il tasso generale sfiora l’8%. Per non parlare di chi lavora poco o svolge mansioni malpagate e dunque non riesce lo stesso a “mangiare” e a dare da “mangiare” ai propri figli. E in ogni caso i cittadini italiani, a differenza degli immigrati irregolari, sono obbligati a pagare le tasse. A tal proposito a fine mese scadono 246 “simpaticissimi” appuntamenti fiscali e si rischia un’ulteriore dramma economico per migliaia di famiglie. Un quadro drammatico noto a tutti, almeno così credevamo. Perché forse Ricciardi è troppo impegnato a lanciare allarmi e a prenderla con la movida.

Multe agli italiani e bonus agli immigrati

Si veda quanto da lui affermato sempre alla Stampa: “Servono più controlli, ma soprattutto applicare sul serio le sanzioni. Purtroppo vedo che le multe sono lo zero virgola qualcosa rispetto al numero delle persone fermate. Così non va”. A suo avviso rischiamo “di fare la fine della Catalogna o di Israele. Se i focolai crescono di numero e volume c’è il rischio di non riuscire più a tenerli sotto controllo. Allora potrebbe capitare di dover creare delle zone rosse anche in luoghi di villeggiatura dove si finirebbe per restare intrappolati”. Multe agli italiani già vessati e bonus agli immigrati, in soldoni è questo il messaggio di Ricciardi. Tanto inaccettabile quanto preoccupante, perché se questa è la logica che alberga tra gli “esperti” del governo, è prevedibile tutto tranne che un roseo futuro all’orizzonte.

Oltretutto Ricciardi è perfettamente consapevole, visto che propone la quarantena per i clandestini che sbarcano sulle coste italiane, che buona parte dei nuovi contagi sono connessi a casi cosiddetti “di importazione”. Ovvero immigrati appena arrivati o che fanno rientro in Italia dai loro Paesi di origine. Vale la pena allora invitare il braccio destro di Speranza a sparare meno fesserie, visto mai che il governo giallofucsia le metta in atto sul serio.

Eugenio Palazzini

1 commento

  1. Non ho mai sentito nulla di più folle, soldi agli immigrati, ANCORA? Ma stiamo scherzando? Ci sono aziende sull’orlo del lastrico famiglie che non riescono a campare e questo si inventa il sussidio agli immigrati perché non riescono a sostentarsi? Ma vengo di persona a prenderti a schiaffi imbecille, per gli italiani nessun tipo di aiuto e appena arrivano i barconi piovono soldi! Ma che razza di gente abbiamo al governo, prego sempre che Casapound un giorno abbia il suo posto nel nostro governo, perché ha bisogno veramente di un cambiamento altro che la farsa del M5S! Spero di trovare Casapound alle elezioni!

Commenta