Il Primato Nazionale mensile in edicola

Catania, 15 dic – Una neonata abbandonata dalla madre all’ospedale dei bambini di Catania perché positiva al Coronavirus. Una storia che si trascina appresso gli orrori della «superstizione da Covid» alimentata dalla narrazione terroristica, a tratti apocalittica dell’epidemia del sars-CoV-2. Superstizione tale da indurre una madre, fresca di parto, ad abbandonare il frutto dei propri lombi perché positiva al tampone, come l’ultima delle appestate, delle menomate, di qualcuna da dare in affido alla provvidenza perché frutto marcio della pandemia.

La neonata positiva abbandonata all’ospedale

Nessuno aveva spiegato alla madre di questa neonata positiva che i bambini sono i più resistenti all’infezione. Che guariscono molto facilmente. No. Vittima di una disinformazione più grande di lei, ha abbandonato il fagottino appena partorito, alla fine di ottobre, come il fardello di un’untrice. Il reato contestato alla donna è quello di abbandono di minori.  Il gip Piergiorgio Morosini ha accolto la richiesta del procuratore aggiunto Annamaria Picozzi e del sostituto Maria Rosaria Perricone, che coordinano l’inchiesta.

La piccola è guarita

La neonata abbandonata è guarita in breve tempo ed è stata affidata alle cure amorevoli di una struttura. Le indagini ruotavano su due donne misteriose, la madre e la zia, che l’avevano accompagnata e che le avevano poi fatto visita in ospedale, prima di scomparire nel nulla. Ora la Procura è riuscita a rintracciare la madre, che è stata arrestata per abbandono di minore.

Il caso ricorda quello di una neonata di circa un mese di vita, deceduta alcune settimane fa all’ospedale di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno, dopo esservi arrivata in gravissimo stato di denutrizione. Secondo le prime ricostruzioni, la madre aveva accusato problemi nell’allattamento e le sarebbe risultato difficile, se non impossibile, allattare la piccola. Purtroppo il terrore del coronavirus ingenerato da mesi di propaganda allarmista avrebbe instillato nella donna una fobia del contagio.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta