Il Primato Nazionale mensile in edicola

legame tra immigrazione e terrorismo dell'IsisRoma, 9 feb – Il pericolo terrorismo targato Isis viene dai barconi. E può attecchire proprio fra quei minori di cui, giustamente, tanto ci preoccupiamo, sottovalutandone però la portata potenzialmente eversiva. A dirlo è una fonte al di sopra di sospetto: l’ultimo rapporto di Quilliam, autorevole centro studi fondato in Inghilterra da un gruppo ricercatori musulmani. Il documento si intitola «Refuge, Pathways of Youth Fleeing Extremism» e punta i riflettori sull’asse jihadisti-scafisti. I reclutatori dell’Isis pagano in moneta sonante la sicurezza del viaggio dei loro protetti: niente barconi fatiscenti, niente posto in stiva. «Mentre gli altri migranti sono costretti a pagare fino a 560 dollari per arrivare alle coste del Mediterraneo – spiegano gli autori del rapporto – lo Stato Islamico offre passaggi gratis a quelli desiderosi di farne parte garantendo loro anche un maggior livello di sicurezza».

In altri casi i futuri terroristi vengono assoldati ad Al Qatrun, una cittadina all’estremo sud ovest libico non lontano dal confine con il Niger. Qui i reclutatori dell’Isis attraggono nuovi miliziani e selezionano quelli destinati a imbarcarsi per l’Europa. L’interesse dei terroristi nei confronti dell’immigrazione, comunque, è crescente. Tra giugno e gennaio i principali gruppi terroristi hanno nominato nei loro comunicati o proclami i rifugiati almeno una volta al giorno e nel 53% dei casi li invitavano a unirsi alla guerra santa. Nel mirino, soprattutto, i minori: «I giovani cercatori di asilo sono il bersaglio dei gruppi estremisti perché più vulnerabili all’indottrinamento, più adatti a diventare abili combattenti o, nel caso delle ragazze, a mettere al mondo nuove generazioni di reclute» sostiene Nikita Malik, la ricercatrice di Quilliam che ha firmato la ricerca.

Giuliano Lebelli

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. E comunque il pericolo terrorismo è il minore dei pericoli che arrivano tramite barconi: malattie, delinquenza ed impoverimento generale già basterebbero a qualunque governo serio (che in Europa non abbiamo) a far chiudere le frontiere immediatamente, ma si sa al potere abbiamo i fantocci (ben remunerati) delle multinazionali del profitto ad ogni costo (sulla pelle dei popoli) alle quali servono schiavi per mezzo dei quali distruggere le garanzie per i lavoratori (non a caso introdotte dagli odiati fascismi).

Commenta